09212018Ven
Last updateGio, 20 Set 2018 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Migranti e accoglienza, monito di monsignor D'Ercole: 'Io sto con Papa Francesco, ma i cristiani? Non prevalga la paura'

profughi barca

Se il pensiero dominante è per respingere, D’Ercole chiede coraggio e di andare controcorrente: “Pensiamo al futuro ricordando il passato e andando a rileggere attentamente quanto avvenne alla fine dell'Impero romano".

 

ASCOLI PICENO – Monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, è anche uno dei volti mediatici della Cei. E così, non può esimersi di commentare quanto sta accadendo nel mar Mediterraneo con la mancata accoglienza delle navi dei migranti.

“Fra 30 o 50 anni non vorrei che la Storia ci accusasse di essere stati silenziosi davanti a questa tragedia come è avvenuto in un recente passato. Il Papa - sottolinea D’Ercole - lo attaccano perché parla troppo di immigrati, lo considerano invadente con i suoi proclami. Ma noi cristiani da che parte stiamo?”.

È questa una delle paure del vescovo, che gli stessi cattolici maturino sentimenti di razzismo: “C’è chi anche fra i cristiani lo critica o si sente infastidito. Io non sono fra questi: condivido in pieno quel che dice e quel che ci chiede di fare. Questo lo dico chiaramente e prego perché nelle comunità cristiane della mia diocesi non prevalga la logica della paura e del perbenismo conformista sul coraggio dell'accoglienza”.

Se il pensiero dominante è per respingere, D’Ercole chiede coraggio e di andare controcorrente: “Pensiamo al futuro ricordando il passato e andando a rileggere attentamente quanto avvenne alla fine dell'Impero romano rispetto ai barbari di allora assimilabili oggi agli immigrati. Chi cerca il consenso su queste tragedie umanitarie non mi sembra faccia un buon investimento per il futuro”.

Anche perché fermare chi scappa dalla fame, dalla guerra, dal dolore è impossibile: “Sembra un fiume inarrestabile che si colora purtroppo di morte perché il mare mediterraneo sta diventando la fossa comune di uomini, donne, adulti e bambini inghiottiti dalle onde del mare. Continuano le discussioni in Italia e in Europa che sembrano non voler risolvere il problema mentre alcuni sfruttatori continuano indisturbati a lucrare sulla vita di povera gente e altri tentano di salvarne la vita”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.