Prende a sprangate la sorella: è gravissima. I carabinieri: dissidi ereditari

cupraspranga

Era andata a casa del fratello a Cupra Marittima per far visita all'anziano padre.

CUPRA MARITTIMA – Una sprangata e una donna in fin di vita a Cupra Marittima. Un uomo di 56 anni ha aggredito a colpi di spranga la sorella di 58 anni, ferendola, e poi ha lui stesso chiamato i carabinieri. La donna è stata trasferita in eliambulanza all'ospedale regionale di Torrette di Ancona in condizioni gravissime. L'uomo, un agricoltore, si trova in stato di fermo ed è accusato di tentato omicidio dalla Procura della Repubblica di Fermo competente per territorio. L'aggressione è avvenuta in una casa di campagna in contrada San Michele a Cupra.

La donna, operaia di una ditta di pulizie, è stata colpita ripetutamente e con violenza alla testa dal fratello con una spranga e ha perso molto sangue prima di essere soccorsa e trasferita in eliambulanza ad Ancona, dove i medici si sono riservati la prognosi. Era andata a casa del fratello per far visita all'anziano padre. Non chiari i motivi della furibonda lite tra i due, anche se, anticipano i carabinieri di Ascoli Piceno, si tratterebbe di dissidi legati ad una eredità.