Angelo Galeati, un quarantenne alla guida della Fondazione Carisap: "Impegno per la comunità"

angelogaleati

C’era chi temeva, e per questo ha avversato la sua elezione, una concertazione di poteri tra lui e il cugino Mariani, ma lui ha sempre parlato di “concentrazione di impegno, non certo di potere”.

ASCOLI PICENO – Era annunciato, ma sempre la prova del voto doveva superare. Alla fine, 12 voti su 16 sono andati ad Angelo Galeati. L’imprenditore 41enne che guida con Simone Marinai, presidente di Confindustria Centro Adriatico, è il nuovo presidente della Fondazione Carisap. Finisce l’era di Vincenzo Marini Marini, che dal 2001 ha cambiato volto alla fondazione della banca picena e che come ultimo atto ha donato una risonanza magnetica all’ospedale di Amandola.

“Il mio sarà un impegno per la comunità” le prime parole dell’amministratore della Sabelli. È stato eletto alla prima votazione, un risultato andato oltre alle aspettative, vista la candidatura di Piersandra Dragoni che poteva rischiare di farlo finire al ballottaggio. E invece “hanno creduto nelle mie idee” ribadisce il neo presidente che si prepara a governare un ente importantissimo per la città, che Marini Marini ha concentrato nel terzo settore.

C’era chi temeva, e per questo ha avversato la sua elezione, una concertazione di poteri tra lui e il cugino Mariani, ma lui ha sempre parlato di “concentrazione di impegno, non certo di potere”.

@raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com