11232017Gio
Last updateGio, 23 Nov 2017 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Consiglio Provinciale d'urgenza su maltempo e frane, danni per 58 milioni

terremoto centro italia

Approvato all'unanimità il documento dei Sindaci.

ASCOLI PICENO - Il Consiglio Provinciale, convocato in seduta straordinaria e d'urgenza, ha affrontato ieri la grave situazione del territorio della provincia di Ascoli Piceno causata dagli eventi sismici e dalle eccezionali nevicate del mese di gennaio scorso. Prima di discutere questo tema di straordinaria importanza per il Piceno, il Presidente Paolo D'Erasmo ha proceduto alla comunicazione della nomina a Vice Presidente dell'Ente della Consigliera Valentina Bellini.

Dopo l'Assemblea dei Sindaci svoltasi lo scorso 20 febbraio, è stata illustrata in aula la ricognizione, da parte di Provincia e Comuni, dei danni subiti suddividendo i lavori in somma urgenza per neve, frane e dissesti idrogeologici dagli importi previsti per gli interventi di ripristino delle strade comunali e provinciali. Dalla rilevazione emerge che le spese in somma urgenza ammontano complessivamente a circa 15 milioni e 172 mila euro mentre la cifra totale per il ripristino della rete viaria provinciale e comunale si attesta a oltre 43 milioni di euro.

"Pertanto il costo complessivo per l'emergenza - ha evidenziato il Presidente D'Erasmo - supera i 58 milioni di euro. Un conto veramente difficile da sostenere per gli Enti Locali del territorio e che richiede l'assegnazione urgente di cospicue e vere risorse da parte dello Stato e della Regione Marche per poter superare l'emergenza e consentire al territorio di ripartire ed avviare la fase della ricostruzione nei luoghi colpiti dal sisma".

Nell'ampio dibattito che è seguito i Consiglieri intervenuti hanno posto in evidenzia la necessità di azioni volte a contrastare lo spopolamento delle aree dell'entroterra ulteriormente aggravato dagli eventi calamitosi e la necessità di salvaguardare e rilanciare il turismo e le attività economiche, dalla costa alla montagna, valutando anche i danni indiretti del sisma.

Il Consiglio Provinciale ha poi approvato all'unanimità il documento redatto dai 33 Sindaci del Piceno che prevede una serie di emendamenti al Decreto Legge varato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 9 febbraio. Nelle istanze di modifica avanzate, figura la richiesta di istituzione di una zona speciale, una "No Tax Area" al fine di accelerare la ripresa economica delle aree colpite dal sisma, arginare il rischio della desertificazione imprenditoriale ed attrarre nuovi investimenti. In questo senso, il documento recepisce anche la nota di Confindustria che fornisce opportune indicazioni e proposte per il rilancio delle attività industriali. Da evidenziare tra i suggerimenti dei sindaci la necessità della messa in sicurezza del territorio dai rischi ambientali con l'istituzione di fondi ad hoc e il ristoro degli oneri finanziari sostenuti dagli Enti Locali per gli interventi in somma urgenza e per il ripristino della viabilità. Il testo, votato dal Consiglio Provinciale, verrà inviato al Governo, al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, al Commissario Straordinario per la ricostruzione e alla Regione Marche.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.