04252019Gio
Last updateGio, 25 Apr 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Da Ascoli Piceno ai vertici della Cei con Papa Francesco: monsignor Russo nuovo segretario generale

xRussoStefanoVescovo 755x491.jpg.pagespeed.ic.GpICaEIf4u

Posto importante, di grande impegno per il vescovo che della Cei non è nuovo, visto che per una decina d’anni ha ricoperto il ruolo di responsabile dell'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici.

ASCOLI PICENO – Un ascolano in cima al cupolone Papa Francesco ha nominato monsignor Stefano Russo, attuale vescovo di Fabriano-Matelica, segretario generale della Conferenza episcopale italiana.

"È una nomina che accogliamo con gioia e fiducia - commenta Gualtiero Bassetti, presidente della Cei. Pochi giorni fa come Consiglio episcopale permanente, abbiamo espresso a monsignor Nunzio Galantino (uno dei volti di punta in tv del Vaticano, ndr) la nostra riconoscenza per quanto con intelligenza e zelo ha fatto negli anni del suo mandato. Ora, la decisione del Santo Padre è motivo di viva gratitudine: anche questa nomina è segno della prossimità e della cura con cui Papa Francesco accompagna il cammino della nostra Chiesa".

Posto importante, di grande impegno per il vescovo che della Cei non è nuovo, visto che per una decina d’anni ha ricoperto il ruolo di responsabile dell'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici. Nato ad Ascoli Piceno il 26 agosto 1961, Russo ha frequentato il Movimento diocesano dell'Opera di Maria.

Il 18 marzo 2016 Papa Francesco lo ha nominato vescovo di Fabriano-Matelica. Attualmente è vice presidente della Conferenza episcopale marchigiana, presidente è l’altro vescovo ascolano monsignor Piero Coccia, e presidente del Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto. 

 Monsignor Stefano Russo, nominato da Papa Francesco segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, è nato ad Ascoli Piceno il 26 agosto 1961. Architetto, esperto di beni culturali, arriva dall'esperienza ecclesiale dei Focolari. Ha frequentato il Movimento Diocesano dell'Opera di Maria. Dopo aver conseguito il diploma di perito tecnico in Telecomunicazioni, si è iscritto alla Facoltà di Architettura di Pescara, laureandosi nel luglio 1990. Ha iniziato il percorso formativo al sacerdozio a Grottaferrata, presso il Centro Gen's (Generazione Nuova Sacerdotale), Comunità dei Focolari, frequentando i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 20 aprile 1991 ha ricevuto l'ordinazione presbiterale presso la Cattedrale di Ascoli Piceno. Dal 1990 al 2007 è stato Presidente della Commissione Arte Sacra e Beni Culturali della diocesi di Ascoli Piceno; dal 1990 al 2005 è stato membro della Consulta per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Marchigiana; dal 1995 al 2005 ha gestito e coordinato le attività del Museo Diocesano di Ascoli Piceno.

Dal 2001 al 2005 è responsabile dell'Udtap, l'Ufficio che coordina gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico, danneggiati dal terremoto, di pertinenza della diocesi di Ascoli Piceno. Dal marzo 2005 all'agosto 2015 è stato responsabile dell'Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della Cei. Dal novembre 2015 è stato parroco ai Santi Pietro e Paolo, in Ascoli Piceno (foto agenzia Sir).

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.