08182017Ven
Last updateGio, 17 Ago 2017 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Monteurano

Monte Urano e T.S.Patrizio sono i migliori. "Educazione e servizio efficiente, così raccogliamo e ricicliamo rifiuti"

mgrrici

Canigola: "Abbiamo diffuso oltre ai vari calendari anche una app per ricordare come e quando differenziare. Tutto ciò è stato capito ed anzi favorito da una popolazione molto sensibile all'argomento e portato avanti anche grazie ad una Ditta (Ecoelpidiense) seria e responsabile che dà una servizio puntuale”.

di Raffaele Vitali

FERMO – And the winner is….Monte Urano e Torre San Patrizio. Sono loro i due leader tra i Comuni Ricicloni della Provincia di Fermo. Dodici in totale quelli che hanno superato il fatidico 65%. Quest’anno Legambiente ha deciso di dividere il premio in due categorie: più e meno di 5mila abitanti. Nel primo gruppo a spiccare è Monte Urano, dove opera l’Ecoelpidiense, che ha chiuso il 2015 con il 73,46% di raccolta differenziata.

Soddisfatto il sindaco Moira Canigola: “Veniamo da diversi anni di raccolta differenziata. Nel 2005 già facevamo quella di vicinato: c'erano molte isole ecologiche dove i cittadini conferivano in maniera differenziata. Quindi la cittadinanza è abituata a differenziare e quando abbiamo visto che non si riusciva ad andare oltre certi livelli di differenziazione abbiamo scelto di passare al porta a porta. Differenziamo carta (settimanale), vetro e alluminio (quindicinale), umido (3 volte a settimana), plastica (settimanale), e indifferenziato (settimanale). Abbiamo inoltre un Ecocentro aperto tutti i giorni (9 -12). Abbiamo fatto una campagna informativa sul territorio a tappeto spiegando non solo le modalità della raccolta ma anche e anzi soprattutto il senso ed il perché bisogna differenziare. Abbiamo altresì diffuso oltre ai vari calendari anche una app per ricordare come e quando differenziare. Tutto ciò è stato capito ed anzi favorito da una popolazione molto sensibile all'argomento e portato avanti anche grazie ad una Ditta (Ecoelpidiense) seria e responsabile che dà una servizio puntuale”. Comunicazione e sensibilizzazione del cittadino verso la tematica e un progetto di raccolta che è stato ben calato nella realtà e che quindi ha risposto alle esigenze della cittadinanza mantenendo un buon rapporto tra costi e qualità del servizio. “Questo mantenendo una delle tariffe Tari più basse della provincia”.

Al secondo posto Montegranaro con il 70,75%. Il sindaco Ediana Mancini ha commentato: “Un ringraziamento va anche all'Assessore Roberto Basso che ha lavorato insieme alla ditta vincitrice dell'appalto per migliorare la performance del nostro Comune”. Dimentica però la sindaca di dire che nel 2015 il servizio era gestito dall’Ecoelpidiense. Ditta che gestisce la raccolta anche nei comuni terzo, Sant’Elpidio a Mare, e quarto classificato, Porto Sant’Elpidio, rispettivamente con il 68.8 e il 67.85%. Al quinto posto tra i grandi c’è Porto San Giorgio che ha raggiunto il 66,46 della differenziata affidata alla Sangiorgio Distribuzione.

C’è poi la categoria piccoli comuni. Qui, dopo tanti anni, abbandona il primo posto e addirittura il podio Pedaso, (ditta Am) che scende in quarta posizione con un lusinghiero 73,77. Al primo posto Torre San Patrizio, Ecoelpidiense, con un 78,57% che non ha rivali. Segue Magliano di Tenna, 74,69, che toglie il secondo posto per qualche decimale a Smerillo, 73,77. Ottimo, al quinto posto, Monte San Pietrangeli, altro comune Ecoelpidiense, con il 70,23%. Sesto posto in crescita per Altidona, AM, con il 68,26, seguita da Grottazzolina, AM, con il 66,22%.

In ognuno di questi comuni a brillare è la raccolta differenziata, il sistema che la Regione marche ha ribadito essere il più funzionale al raggiungimento del miglior servizio, sopratttto se include, come fatto nei comuni vincitori, quello dellorganico a mano più volte a settimana garantendono così la qualità e il riciclo. Una linea non adottata solo nel comune di Fermo, tra i capoluoghi di provincia, che sta invece puntando sulle isole ecologiche tecnologiche per uscire dal pantano di una raccolta che non riesce ad abbandonare la fascia del 50%.

E chi domina non si accontenta: “Stiamo realizzando presso l'Ecocentro un Centro del riuso grazie a un finanziamento di 30mila euro che abbiamo ottenuto dalla provincia. Investiamo Continuando a credere che una politica responsabile sui rifiuti miri a non mandare tutto indistintamente in discarica. Infine – conclude il sindaco Canigola - stiamo pensando di andare verso una tariffazione puntuale che stimoli il cittadino ad aumentare la qualità e la quantità della raccolta differenziata per motivi filosofici ma anche economici”.

@raffaelevitali - redazione@laprovinciadifemro.com 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.