08172019Sab
Last updateSab, 17 Ago 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Monteurano

Valori, principi, progetti: ecco i 12 candidati che vogliono far vincere la Canigola

listaurano00

Sei uomini e sei donne per una completa parità di genere, resa un po’ più rosa con la candidata sindaca

MONTE URANO – Moira Canigola schiera la sua dozzina. La lista ’Centro sinistra Monte Urano’ è pronta. “Con me gran parte del gruppo che in questi cinque anni è stata al mio fianco. Abbiamo lavorato tanto e per questo ci ripresentiamo. Ma per crescere e arricchirci di professionalità abbiamo fatto una campagna acquisti tra le forze giovani della città”.

Sei uomini e sei donne per una completa parità di genere, resa un po’ più rosa con la candidata sindaca. Ecco i componenti “che mi hanno ridato linfa e stimoli”. Massimo Brasili, Lucia Diomedi, Federico Giacomozzi, Alessia Iacopini, Stefano Mandolesi, Loretta Morelli, Mirella Morelli, Daniele Nasini, Paolo Offidani, Elisabetta Pieragostini, Barbara Sabbatini, Giacomo Sollini.

Per ognuno poche parole. Brasili, 48 anni, è il pezzo forte, vicesindaco uscente: “Cinque anni duri, lunghi e impegnativi. Ma non abbastanza per realizzare tutto quello che serve. E quindi ripartiamo”. Diomedi, 34 anni, assessore uscente: “Ho scelto di restare perché condivido la visione futura in cui nessuno resterà indietro”. Giacomozzi, 26 anni, da cinque anni guida i Lavori pubblici: “Ho imparato qualcosa di non comune a tutti, una grande palestra. Serve un altro mandato, sapendo che abbiamo la capacità di innovarci, vedi il nuovo impianto di pubblica illuminazione che ci permette di migliorare la qualità della vita potenziando le entrate del bilancio: servizi di qualità a costi ragionevoli”. Iacopini, 28 anni, è bocconiana e prima di quattro new entry: “Credo in questo territorio, sono tornata da Milano per portare un valore aggiunto”. Mandolesi, 53anni è il candidato del mondo calzaturiero: “Torno per la quarta volta con l’obiettivo di restare all’avanguardia. Noi non ci siamo ritrovati al bar un mese e mezzo prima delle elezioni. Per cinque anni dall’opposizione abbiamo avuto anche complimenti, come può essere che oggi non vada bene nulla”. Morelli, 34 anni, è l’anima culturale: “Una decisione sofferta quella di ricandidarmi, nonostante Moira per me sia l’emblema della politica che mi piace fatta di dedizione, impegno e capacità dimettersi in discussione. A frenarmi una politica generale che invece è sempre più lontana dagli ultimi, dal dialogo. Ma sono una idealista, una sognatrice e sono di nuovo qui, senza soluzioni in tasca ma con l’impegno”. Mirella Morelli, 53 anni, torna dopo cinque anni: “A volte si pensa che uno non faccia nulla solo perché ci vuole tempo a realizzare le cose. E noi le abbiamo fatte”. Nasini, 37 anni, seconda novità: “Geometra appassionato di sport. Ci ho messo tempo a decidere dopo la chiamata della Canigola, poi ho pensato che mettersi a disposizione del paese che amo deve essere un orgoglio”. Offidani, 51 anni: “Conoscevo la squadra, essere stato chiamato è stato un onore, proverò a dare una mano a risolvere i problemi”. Pieragostini, 40 anni è la quarta novità, il ‘carico’ da mettere sul tavolo: “Gestisco la scuola Regina Margherita, esperienza complessa, e sono una imprenditrice. Il fatto che sia stata chiamata significa che in quattro anni qualcosa di positivo l’ho fatto, la scuola è un fiore all’occhiello. Spero di portare il mio contributo, se le persone mi daranno fiducia. Ho lavorato dall’esterno con il Comune e per me la Canigola è una persona con valori e principi, la figura ideale per Monte Urano”. Sabbatini, 43 anni e tanta esperienza: “Perché non ricandidarsi? La mia parola chiave è impegno. Poi ho sbagliato qualcosa, è sicuro. Ho ancora tanto da dare”. Sollini, 36 anni, è l’uomo dei conti in ordine dell’amministrazione: “Dico grazie ai nuovi, metterci la faccia non è semplice. entusiasmo e incoscienza, come cinque anni fa, ma con l’esperienza di sapere cosa significa amministrare qualcosa che è di tutti”.

A tenere a battesimo la lista non poteva mancare Francesco Giacinti, l’ex sindaco e attuale consigliere regionale: “Una lista con figure di valore, all’altezza del compito, con un’eccellente guida. La Canigola è esperta e capace ed è una che sa prendere le decisioni, che non devono per forza essere popolari. La ‘cosa pubblica’ è una cosa seria, servono le persone giuste e qui ci sono. In questo comune ci sono valori che da 70 anni portiamo avanti, a cominciare dall’attenzione agli ultimi, che qui non restano indietro”. Da lunedì la lista partirà in tour, prima il quartiere Stadio e il giorno dopo in centro, per presentare il programma elettorale.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.