02182019Lun
Last updateLun, 18 Feb 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Monteurano

Monte Urano, il Comune che spende, investe, incassa e ridà ai cittadini

urano2018

Canigola: 'Il nuovo anno inizierà con pavimento e imbiancatura, per completare il trasloco, rendere la struttura perfettamente salubre e cercare di portare i ragazzi entro i primi giorni di febbraio'.

 

di Raffaele Vitali

MONTE URANO – Un anno intenso quello di Monte Urano, l’unico comune che per scelte coraggiose e lungimiranti incassa ogni anno 500mila euro (fotovoltaico e illuminazione gestiti in proprio, ndr) da destinare a servizi e gestione corrente. Il bilancio la sindaca Moira Canigola lo traccia con la Giunta seduta al suo fianco.

Canigola, quale la sfida principale del 2018?

“Parto dai Lavori Pubblici, l’aspetto più evidente di un’amministrazione. E devo iniziare dal modulo scolastico donato dalla ditta Rosss. Mancano solo le finiture interne, abbiamo completato la struttura esterna, dalle fondamenta al tetto consegnato pochi giorni fa. Il nuovo anno inizierà con pavimento e imbiancatura, per completare il trasloco, rendere la struttura perfettamente salubre e cercare di portare i ragazzi entro i primi giorni di febbraio. Un lavoro importante che è diventato anche calendario, che la ditta farà arrivare in tutto il mondo portando in giro il nome di Monte Urano”.

Sicurezza?

“Stiamo completando il sistema di videosorveglianza. Abbiamo acquistato materiali, assegnato i vari incarichi, preparata la rete elettrica. A gennaio entrerà in funzione il sistema che controllerà i punti di accesso della città. Sono dieci i punti scelti, con venti telecamere visto che ogni punto ha una telecamera Ocr e una di contesto, per un investimento di circa 150mila euro. Sicurezza significa anche il sistema di allertamento ‘Notice’ che riprende quello di Sant’Elpidio a Mare. Comunicheremo chiusure di strade, eventi, possibili emergenze”.

Altri lavori degni di nota?

“I marciapiedi di via Elpidiense e San Lorenzo, che partiranno nei primi giorni dell’anno. Un paio di mesi per i lavori. Numerosi i lavori di asfaltatura. Avviata la progettazione per il cinema, dopo i sondaggi e le campionature: i risultati diranno cosa va fatto. Noi andiamo avanti con i lavori, poi troveremo l’intesa con il privato una volta che sapremo quello che davvero costa. Oltre a questo, partirà la metanizzazione di San Lorenzo”.

Capitolo servizi?

“Due livelli. Ci sono quelli per la cittadinanza: pagamenti online, carte d’identità elettroniche, software per la mappatura del comune per agevolare l’urbanistica. Ci sono i servizi sociali: nessun taglio, anzi un maggior impegno nonostante la riduzione di risorse da parte di Regione e Stato. Attenzione all’aggregazione cittadina, ai valori, alla condivisione di momenti grazie anche al lavoro della nostra Pro Loco. Cultura e mostre hanno accompagnato poi tutto l’anno”.

Crescono le richieste di aiuto?

“Sono sempre di più le persone che arrivano in Comune. Difficoltà economiche che si abbinano a situazioni familiari di difficoltà. Per questo abbiamo aumentato il fondo anticrisi portandolo a 27mila euro, coprendo così 90 famiglie. Non più solo gli stranieri (principalmente nordafricani e cinesi in città, ndr), sono numerose le famiglie italiane”.

Bilancio in ordine?

“Una politica molto attenta che ci ha spinto anche al rifacimento della pubblica illuminazione, con nostre risorse. Dopo il primo step, il progetto è andato avanti e oggi abbiamo una città nuova che grazie ai risparmi può permettersi di non fare tagli dolorosi e di non indebitarsi, gravando poi i cittadini nel futuro. Abbiamo investito 700mila euro, provenienti da risorse proprie frutto della vendita della quota Monturano Gas, nel nuovo sistema di illuminazione. Ci è costato, ma a regime ci porta a un risparmio di 100mila euro all’anno sulla bolletta. Siamo passati da 250mila a una previsione di 165 per stare cauti. Più illuminazione significa più sicurezza, anche per i pedoni con tutti i passaggi pedonali oggi visibili. Soldi che spalmiamo sui servizi e sulle associazioni, garantendo anche le aliquote. E lo stesso vale per il fotovoltaico che ogni anno ci garantisce quasi 400mila euro l’anno”.

Novità?
“Mensa scolastica per la primaria, lo sviluppo di orti urbani che ci avevano richiesto proprio i consiglieri del Movimento 5 Stelle. E poi (ci ha lavorato l’assessore Giacomozzi, ndr) il recupero di una grande area vicino al calzaturificio Walk Safari, dove l’associazione monturanese L Rampa realizzerà una pista in sterrato per macchinine telecomandate. La gestiranno per quattro anni. Come clausola utilizzo per momenti con le scuole. Tra le migliorie un’area parco e area relax”.

Sindaco, è evidente che sia soddisfatta della sua Giunta. A maggio per le elezioni la rivedremo con questa squadra?

“Ci confronteremo con le forze politiche, prima di marzo non sapremo come andrà. E neppure chi ci sarà”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.