06232018Sab
Last updateVen, 22 Giu 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

"Giovani, siate protagonisti". Il maestro Mazzoni dà ritmo al 2 giugno, Macchini fa riflettere ridendo

compleanno Costituzione2

L’assessore Perugini ha chiesto ai giovani “di impegnarsi in prima persona, senza demandare agli altri la difesa dei valori”. VIDEO

 MONTEGRANARO – Un 2 giugno per tutti i gusti quello che ha vissuto il Fermano. E non poteva essere diversamente, lo Stato, e le sue diramazioni locali, dovevano mandare un segnale forte: unità e valori chiari.

Dopo la mattinata a Fermo tra messa in duomo, deposizione della corona e consegna delle onorificenze, Monte Urano, dove non ha preso parte la Lega, e Sant’Elpidio a Mare, “doneremo una copia della Costituzione perché vogliamo invitare i nostri giovani ad approfondire in modo autonomo la conoscenza di quella legge che - ha spiegato il sindaco terrenzi - tiene insieme tutti noi, senza che si sentano obbligati da vincoli scolastici o di altro tipo ma semplicemente motivati dalla voglia di conoscere i pilastri della nostra società”, tutti di nuovo in Prefettura.

Politici, dirigenti scolastiche, vertici della sanità e delle forze dell’ordine si sono fermati nel cortile per ascoltare i musicisti e i cantanti del conservatorio Pergolesi. Prima dei pezzi classici con Saint-Saens, Fromental Halevy, Gaetano Doninzetti, Giacomo Puccini e la complessa ‘Lunga da lei’ di Giuseppe Verdi. Poi, per dare ritmo alla festa, è entrato in scena l’Ensemble di Saxofoni diretto da uno scatenato Massimo Mazzoni.

 Il maestro, sassofonista di fama internazionale, ha lasciato ilo strumento nella custodia e ha preso una bacchetta con cui ha guidato 14 saxofonisti accompagnando ogni nota con un movimento di gambe o spalle. Uno spettacolo lungamente applaudito prima del brindisi nelle sale nobili della Prefettura guidata da Maria Luisa D’Alessandro.

Ma non è stata la musica del Pergolesi l’ultima nota del 2 giugno del Fermano, perché poi in molti, su tutti il senatore Verducci e il consigliere regionale Giacinti, si sono spostati a Montegranaro, dove l’amministrazione Mancini aveva preparato una serata dedicata in primis ai 18enni. Per un quarto d’ora protagonista è stato Piero Massimo Macchini, nella insolita veste di cantore della Costituzione. Con la sua ironia ha saputo raccontare i primi articoli tra il serio e lo scherzoso, affascinando e tenendo il teatro concentrato. Poi, sono saliti i 18enni veregrensi sul paco a ritirare una copia della Costituzione italiana dalle mani delle autorità, con il consigliere Giacinti che ha chiesto “di esprimere solidarietà al Presidente della repubblica” per gli attacchi subiti, e con l’assessore Perugini che ha chiesto ai giovani “di impegnarsi in prima persona, senza demandare agli altri la difesa dei valori”. Una serata riuscita per l'assessore Giacomo Beverati. “Volevamo raccontare la Costituzione e la sua essenza da una prospettiva più leggera ma di sicuro impatto sui giovani ma anche sulle generazioni più mature” ha ribadito il sindaco Ediana Mancini affiancata dalla consigliera Laura Latini. In chiusura i senatori Verducci e Morgoni hanno ribadito che “Voglio ringraziare la città di Montegranaro per aver voluto dare una testimonianza di enorme impegno civico - ha aggiunto il Senatore Francesco Verducci -. Portare qui la nostra Costituzione è qualcosa che mi riempie di orgoglio. C'è stato un momento nella nostra storia in cui non siamo stati liberi di dire quello che pensavamo, di organizzarci, di poterci muovere liberamente. Noi non possiamo rimuovere tutto questo, abbiamo piuttosto il dovere di custodire la nostra bellissima Costituzione. E soprattutto voi giovani avete questo dovere, per non disperderne i principi”.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.