07212018Sab
Last updateVen, 20 Lug 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Basso all'attacco: "Raccolta rifiuti ok, ex amministratori ci dicano come sceglievano l'Ecoelpidiense?"

bass onofaro

“Ritengo che fare politica sulla pelle dei lavoratori sia la cosa più bassa a cui l'opposizione potesse prestarsi” ribadisce l’assessore criticando la presa di posizione del gruppo ViviAmo Montegranaro guidato da Lucentini e Gismondi.

MONTEGRANARO – IN difesa del suo lavoro, della ditta che gestisce i rifiuti, contro l’opposizione e velatamente chi li gestiva prima. La ditta Onofaro-Caruter è quella con cui il comune di Montegranaro ha firmato il contratto. La Mondolfo Ambiente è chi ha ammesso di avere regolarizzato, con un piccolo ritardo le pendenze. Insomma, caso rientrato sulla società che gestisce la raccolta rifiuti a Montegranaro e in altri comuni delle Marche. A giustificazione della società era stato detto che alcune amministrazioni erano in ritardo nei pagamenti. Una di queste non è quella del sindaco Ediana Mancini, come sottolinea l’assessore all’Ambiente Roberto Basso: “All'articolo 9 del contratto è previsto il pagamento entro 60 giorni dall'emissione delle fatture. Come Amministrazione comunale, quindi, abbiamo deciso di produrre tutti i pagamenti effettuati da inizio appalto, confrontandoli con la data di fatturazione. Ne è scaturito uno spaccato interessante, con una media dei pagamenti a 36,5 giorni”.

Nel corso di questi giorni si sono susseguiti gli incontri tra sindacati e azienda alla luce dei pagamenti e per confrontarsi su altri punti, in modo da evitare lo stop degli stessi lavoratori. “Ritengo che fare politica sulla pelle dei lavoratori sia la cosa più bassa a cui l'opposizione potesse prestarsi” ribadisce l’assessore criticando la presa di posizione del gruppo ViviAmo Montegranaro guidato da Lucentini e Gismondi.

L’ultimo chiarimento è sulla scelta dell’azienda: “Gismondi e Lucentini non hanno ben presente come il Comune non abbia scelto la ditta bensì il servizio da erogare, mentre la ditta è stata selezionata attraverso una procedura di gara ad evidenza europea.  Mettere in campo paragoni tra aziende (nel caso specifico tra ATI Onofaro-Caruter ed Ecoelpidiense) – cosa che il sottoscritto non ha mai fatto - potrebbe essere il sintomo di un diverso approccio nell'affidamento degli appalti che veniva utilizzato precedentemente” ribadisce Basso che chiede a Gismondi&co di spiegare “come hanno fatto a scegliere la ditta che a loro giudizio era migliore, così da poter imparare qualcosa da chi così bene ha fatto in paese o – ribadisce minaccioso - in alternativa in modo da informare le autorità preposte”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.