08232017Mer
Last updateMar, 22 Ago 2017 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Chi ama il basket non può esitare: la Poderosa Family è il posto dove stare

poderosafamily

Pollastrelli: "Non chiediamo a tutti, ma a chi ama la pallacanestro. Il nostro è un abbonamento con una piccola maggiorazione con benefit che il gap lo colmano”.

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – Per restare in serie A2 serve una famiglia poderosa e ambiziosa. È nata così la Poderosa Family, la nuova associazione che prova a ripetere l’esperienza del Sutor Special Club.

Silvia Giannini, vicepresidente del Poderosa Family è il volto femminile al fianco del presidente Giovanni Pollastrelli con Laura Angeletti, fondatrice e consigliera dell’associazione. “Una iniziativa che avvicina la città e il territorio alla squadra. Come Amministrazione non potremmo chiedere di più. Sperando che gli appassionati decidano di supportare la società anche in questo modo” commenta Endrio Ubaldi. “I risultati riavvicineranno i tifosi e i prezzi scelti per gli abbonamenti sono alla portata di tutti. E ora questa iniziativa, con una tessera che garantisce il posto a sedere e tanti benefit”.

Ma come funziona la Poderosa Family? “Se siamo qui a parlarne è perché la famiglia Bigioni ha avuto la forza di farci tornare in serie A. Ma anche perché c’è un gruppo che da tre anni sta vicino a questa famiglia, creando un nucleo ‘di scalmanati’ che hanno la Poderosa nel cuore”. E ora anche in tasca, dentro il portafoglio: “Il nostro obiettivo è far entrare nella famiglia tutti gli appassionati di basket. Non chiediamo a tutti, ma a chi ama la pallacanestro. Il nostro è un abbonamento con una piccola maggiorazione con benefit che il gap lo colmano”.

Il 30% in più del costo dell’abbonamento già lo si recupera con la giornata gialloblù contro la Fortitudo il 17 dicembre, visto che il posto sarà garantito. “E poi c’è il parcheggio riservato e l’ingresso all’hospitality, oltre alla priorità sui pullman che andranno in trasferta”. L’obiettivo della Poderosa Family è di utilizzare i soldi raccolti per supportare la Scuola Basket Montegranaro: “Sono tanti i paesi coinvolti (Petritoli, Monte Urano, Sant’Elpidio, Morrovalle e Montegiorgio), per cui speriamo che siano tanti gli appassionati che decidano di contribuire per lo sviluppo dei propri figli. L’associazione è aperta, anche per i posti in consiglio” aggiunge Pollastrelli.

La speranza è di tagliare il traguardo delle 100 tessere: “Dodici le tessere già preparate, incluse quelle dell’assessore Endrio Ubaldi e della giornalista Marisa Colibazzi. Ogni tessera in più sarà conteggiata e visibile sulla pagina facebook”. Sono quattro i tipi di tessere, che ricalcano la campagna abbonamenti. Due tessere per la tribuna centrale numerata e due per la tribuna gold. “Esempio, 160 euro per l’abbonamento normale, 300 per la tessera Poderosa Family in tribuna centrale”. E così è per la Gold, 250 euro contro 400. Si paga in più in primis per aiutare la Scuola Basket, poi per rendere i tifosi una comunità.” Saremo una grande famiglia che aiuta una famiglia più piccola, i Bigioni, che tanto fanno per il territorio”.

Pass auto, giornata gialloblù, t-shirt, terzo tempo con la squadra, rete commerciale con una scontistica a Montegranaro. “Oltre a questo ci sarà una lotteria per le trasferte. Anziché essere posizionati nelle gradinate, due fortunati avranno il posto nella zona della società” aggiunge Silvia che promette anche una maggior vicinanza alla squadra, con la possibilità di fare foto con i giocatori durante gli abbonamenti.

“Siamo orfani del grande basket da troppi anni, come non volerlo vivere di nuovo al massimo? Con la Poderosa Family è possibile godere dello spettacolo più bello vivendolo in modo esclusivo” concludono i promotori. Tra i nove fondatori del Poderosa Family ci sono anche Salvatore La Porta, vicepresidente, Jacopo Pirro segretario, Dino Pizzuti, il consigliere che ha dato il là, Mauro Malvestiti, Mauro Foresi e Marco Trillini, consiglieri. “Per far parte della famiglia, basta chiamare il 388.9327201” ribadisce Giovanni Pollastrelli.

Riccardo Bigioni incassa: “Noi ci siamo riusciti, è vero, ma grazie all’aiuto di tanti amici e sponsor. E sapere che ora la Family si allarga ci dà fiducia. Per noi contano gli aiuti economici ma anche morali. E quando Dino Pizzuti la prima volta mi ha parlato di questo progetto, mi sono emozionato”. Ora va rafforzato e fatto crescere.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.