08242019Sab
Last updateSab, 24 Ago 2019 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Scontro nella Lega, Arrigoni toglie l'incarico a Lucentini. 'Ne parleremo con Salvini dopo i ballottaggi'

lucesalvi

Una decisione che farebbe pensare a una sua esclusione futura: “Ho incaricato una società di mandare una mail con il volantino della candidatura".

MONTEGRANARO – E ora? Da mister preferenza per la Lega nelle Marche alle Europee a escluso per “utilizzo improprio del database del tesseramento della Lega Marche da parte di chi ne aveva responsabilità”. Questa la motivazione che ha portato il commissario regionale della Lega nelle Marche, il senatore Paolo Arrigoni, a revocare l’incarico di responsabile regionale del tesseramento a Mauro Lucentini, proprio il giorno dopo la visita del 'capitano' nel mercato di Ascoli con il canidato Fioravanti e lo stesso Lucentini.

Al suo posto è stato nominato Roberto Maravalli, segretario comunale della Lega di Ascoli Piceno. “Chi gestisce il tesseramento deve utilizzare il massimo della delicatezza rispettando la privacy con massima attenzione e diligenza. Il ruolo è stato affidato a Maravalli che, oltre a essere il segretario della Lega di Ascoli, è un professionista che opera nell'ambito della privacy e del trattamento dei dati personali. La persona migliore per garantire la riservatezza dei dati inseriti nel database che conta oltre 2.000 persone nelle Marche”.

Una decisione che farebbe pensare a una sua esclusione futura: “Ho incaricato una società di mandare una mail con il volantino della mia candidatura. Come ha fatto ogni candidato. Ma siccome io ero responsabile del tesseramento, mi imputano un uso improprio”. Arrigoni nega di volerlo silurare: “Certo che resta in Lega – conclude -. Ci mancherebbe".

Ma la resa dei conti tra il commissario regionale che mal digerisce da tempo l’ascesa di Lucentini e il neo consigliere comunale veregrense è iniziata. Le regionali sono vicine, Leo Bollettini, il sambenedettese che ha preso 8mila preferenze, non vuole giocare da comprimario nel 2020 e sa di avere Arrigoni dalla sua parte. “Ora pensiamo a far vincere Fioravanti, poi ne parleremo. Direttamente con Salvini. Una cosa è certa, con me siamo passati da 529 a 2mila tessera. Non per merito mio, ma come responsabile regionale qualcosa avrò fatto. Ne parleremo dopo il ballottaggio, lo ribadisco”.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.