05202019Lun
Last updateLun, 20 Mag 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Intervista. La nuova Ediana Mancini: jeans e giacca per un sindaco che percorre 'La strada giusta'

mancnibis

Nel simbolo anche la scritta ‘lista civica’ come mai? “Noi cinque anni fa abbiamo scelto un percorso, unendo anime diverse. Abbiamo dimostrato che si può quando a vincere è l’amministrare, il bene della città, di Montegranaro".

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – Jeans, camicetta e giacca. Il sindaco di Montegranaro Ediana Macini sceglie il look casual per la sua seconda campagna elettorale e gioca d’anticipo sugli avversari, che ancora devono ufficializzare il candidato sindaco. “Cinque anni fa scegliemmo lo slogan ‘Montegranaro riparti’. E siccome la città è davvero tornata a essere protagonista, riteniamo che il messaggio da passare sia chiaro: ‘La strada giusta’ deve continuare”.

Sindaco, lei è la strada giusta?

“Abbiamo fatto tanto e molto ancora faremo prima di maggio e negli anni a seguire. La freccia rossa nel simbolo è il percorso, è lo slancio che abbiamo dato con la ripartenza e che ora proseguiamo”.

Tanto verde e tanto giallo, come mai?

“Volevamo un simbolo solare, che desse subito una immagine serena attorno a Montegranaro. La grafica è quella di cinque anni fa, ma nuovo slogan, nuovi colori e la mia immagine in versione dinamica, di chi sa di dover stare sempre tra i cittadini”.

Ci mette la faccia, di nuovo. Perché?

“Il mio volto rappresenta chi in ogni cosa ci mette la faccia, no per voglia di potere ma perché la città va vissuta in ogni momento. Questo è un paese importante, il sindaco deve stare sulla strada, le persone vogliono il contatto e questo ho dato per cinque anni. Si potrà giudicare positivamente o no il lavoro, ma di certo la mia è stata una Giunta molto presente”.

E infatti sono tutti qui (Ubaldi, Perugini, Strappa e Beverati per stare alla Giunta) anche oggi per l’apertura della sede su largo Conti.
“Non è una inaugurazione, quella la faremo, ma ci tenevamo a scoprire i manifesti per cominciare a dare ai cittadini un messaggio: ci siamo e ci saremo. Poi domani c’è anche la fiera, quindi saremo qui a incontrare le persone”.

Nel simbolo anche la scritta ‘lista civica’ come mai?

“Noi cinque anni fa abbiamo scelto un percorso, unendo anime diverse. Abbiamo dimostrato che si può quando a vincere è l’amministrare, il bene della città. E anche le frizioni durante questi anni non sono mai state ideologiche, solo su visioni diverse in alcune scelte, come è giusto quando c’è dialogo e confronto”.

Niente partiti e allora come la mette con Sinistra Italia, con voi o no?

Se una forza politica vuole avvicinarsi le nostre porte sono aperte, certo nei limiti, non prenderei la Lega. Basta che ci sia condivisione sulle idee, sul percorso e le scelte che stiamo inserendo nel programma. Le linee guida le abbiamo ben chiare”.

Squadra per il resto confermata?

“Cero, con alcune importanti novità, come Andrea Franceschetti. Ma lui è solo la prima di tante che presenteremo passo dopo passo. Di certo ci saranno gli assessori e i consiglieri Latini e Gaudenzi”.

Sul manifesto i simboli dei principali social, sarà il suo grande cambiamento in caso di secondo mandato?

"Non esageriamo, c’è chi li gestirà al meglio. Io sono restia, ma se i giovani mi diranno che servono, che sono davvero necessari per essere ancora di più a contatto con la città, li valuterò e sono pronta a cambiare. Ma non sarò improvvisamente ovunque sul web”. 

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.