04252019Gio
Last updateMer, 24 Apr 2019 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Il rimborso impossibile. Gismondi: 'Il Mosaico è in liquidazione, a chi chiederà i 90mila euro la Mancini?'

gastonsorriso

Ma oggi la storia è cambiata, incluso l’asilo 'che sembra mezzo abbandonato, ma di certo a maggio dopo la nostra vittoria anche questo tornerà allo splendore'.

MONTEGRANARO – Non tutti i pezzi del ‘mosaico’ vanno a posto (leggi). “Parliamo di una cooperativa sociale che lavorava con la Montegranaro Servizi, società in house che avevamo creato ai miei tempi da sindaco” spiega Gastone Gismondi. Una società che si occupava dei servizi alla persona e quindi anche della gestione dell’asilo nido. “Ai tempi ci lavoravano maestranze di Montegranaro, uomini e donne. Una società in house che faceva del bene alla città. Al tempo, la cooperativa ‘Il Mosaico’ offriva un ottimo servizio, tanto che il nostro asilo raggiunse anche più di cento iscritti. Tutto quello che facevano veniva controllato da un addetto”.

Ma oggi la storia è cambiata, incluso l’asilo “che sembra mezzo abbandonato, ma di certo a maggio dopo la nostra vittoria anche questo tornerà allo splendore”. Gismondi ricorda il clima di odio verso i “debiti potenziali del comune” iniziata con il commissario. “I famosi debiti potenziali che in questi anni l’amministrazione ha usato come spauracchio contro di me si sono sciolti come i fiocchi di questi giorni”.

Il contenzioso è nato nel 2016: quando in Consiglio arrivò la proposta di transazione di 90mila euro votammo contro e siamo stati facili profeti. È incredibile che si esalti qualcosa di cui non ci dovrebbe vantare. Allora dissi: nel momento in cui pagheremo, Il Mosaico chiuderà. Al tempo c’era la richiesta del giudice, ma sarebbe bastato andare in banca, fare una fidejussione e metterla nelle mani del giudice, facendoli diventare esigibili in caso di sentenza. Oggi sarà quasi impossibile recuperare i soldi.”. A riprova di quello che dice, Gismondi spiega che “a luglio 2017 la cooperativa si è sciolta ed è stata messa in liquidazione, poco dopo aver riscosso l’ultima parte dei 90mila euro”. Non è stupito l’ex sindaco: “Ad agosto, la cooperativa è stata cancellata e non è più iscritta alla Camera di commercio. Per cui non capisco a chi farà l’azione di rivalsa il Comune”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.