04182019Gio
Last updateGio, 18 Apr 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Intervista a Lucentini. Settemila visitatori al presepe vivente di Montegranaro. 'Nel 2019 più Matera e più animali'

ptefettopresepe5

La scena più ammirata? “La natività, con il coro Gospel di Montegranaro, secondo alle ultime competizioni italiane, che è stato il valore aggiunto cantando per tre ore sia il sabato sia la domenica”.

MONTEGRANARO – Mauro Lucentini, presidente Ente Presepe, come è andata questa edizione del Presepe Vivente di Montegranaro?

“Due giorni emozionanti e stancanti. Sabato bene, domenica pienone: duemila persone il primo giorno, oltre 5mila il secondo. Abbiamo incassato 5100 euro di offerte, siamo felici”.

E ora cosa fare con i soldi raccolti?

“La prima riunione con tutte le associazioni decideremo il progetto. Di certo sarà legato a Montegranaro, visto che già abbiamo accantonato 5mila euro per aiutare un comune terremotato”.

Tante istituzioni nella due giorni, commenti?

Prefetto e vescovo sono rimasti colpiti. Il gemellaggio con Matera prosegue, anche perché proprio l’arcivescovo ha sottolineato la nostra cura dei dettagli superiore a tutti presepi viventi visti fino a oggi, poi è chiaro che il contesto di Matera è inimitabile”.

Reazioni della gente?

“Abbiamo incassato i complimenti di tutti, proprio per le scene ricostruite. Ora nel 2019 vogliamo chiudere l’intesa con Matera e trovare un successore al presidente. Anche se in tanti mi hanno chiesto di rimanere, visto il risultato”.

Qualcosa di migliorabile?

“Possiamo distribuire meglio le scene e l’illuminazione. E poi vogliamo coinvolgere altre associazioni e aumentare gli animali, che quest’anno sono stati protagonisti”.

La scena più ammirata?

“La natività, con il coro Gospel di Montegranaro, secondo alle ultime competizioni italiane, che è stato il valore aggiunto cantando per tre ore sia il sabato sia la domenica”.

Il presepe vivente resta l’unico vero evento extra barriere politiche?

“Quest’anno si è vestito anche il presidente del consiglio Antonelli e si è vestito l’assessore Basso. Se penso a quando abbiamo iniziato, non proprio aiutati dall’amministrazione, oggi posso dire che siamo tutti uniti per lo stesso percorso. Avere un piccolo finanziamento del Comune è la riprova che siamo apprezzati, come vedere degli esponenti dell’amministrazione vestirsi tra noi che dal primo giorno lavoriamo per far crescere questo appuntamento”.

E ora?

“Entro gennaio ci incontreremo, poi a febbraio il pranzo delle associazioni dentro la sede dell’Ente Presepe per definire anche cosa fare dei fondi raccolti”.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.