08162018Gio
Last updateMer, 15 Ago 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Amandola

Prima della fusione, la collaborazione. Marinangeli: "Comunanza guidi un nuovo organismo per i Sibillini"

Amandola Piazza

Si deve partire dai servizi sanitari, “la Rsa di Amandola sarà aperta anche alle aree vaste vicine”, dalla viabilità, “far finanziare insieme il miglioramento delle due importanti strade vallive val d’Aso e val di Tenna”, per poi arrivare a ottenere il Distretto Sanitario Montano.

AMANDOLA – La novità potrebbe essere l’incipit, “caro Alvaro”, o forse la volontà, “incontriamoci subito”, di certo lo è l’obiettivo: “Affrontare insieme con coraggio e responsabilità le pressanti problematiche che riguardano il nostro territorio”. Lo scambio di lettere tra i sindaci di Comunanza, Alvaro Cesaroni, e Amandola, Adolfo Marinangeli, è una piccola speranza per i Sibillini che dopo il sisma si sono divisi, come se i rapporti umani fossero stati incrinati tanto quanto le mura delle case. Tornano a parlare i due ‘avversari’ perché si sentono “sotto attacco”. Comunanza ora lo è anche economicamente, con il rischio di licenziamenti in massa alla Whirlpool.

“Mettiamo insieme le nostre energie sia la strada da praticare con urgenza e decisione” aggiunge Marinangeli che poi dà anche la sua soluzione. Che, va subito chiarito, non ha nulla a che vedere con la ‘città dei Sibillini’ che una parte di cittadini vorrebbe come soluzione finale nata dalla fusione delle due realtà. Marinangeli, invece, ragiona più su una struttura snella che si muova come un guanto unendo quindi diversità per un’azione comune.

Si deve partire dai servizi sanitari, “la Rsa di Amandola sarà aperta anche alle aree vaste vicine”, dalla viabilità, “far finanziare insieme il miglioramento delle due importanti strade vallive val d’Aso e val di Tenna”, per poi arrivare a ottenere il Distretto Sanitario Montano.

Ma siccome Marinangeli sa che per ottenere bisogna dare, ecco la proposta che potrebbe lusingare Cesaroni: “Una nuova Unione, anzitutto, tra i nostri due Comuni, sotto la Tua guida (rivoto al sindaco di Comunanza) ma con i nostri spazi operativi già disponibili. Un organismo che, nel solco delle linee-guida tracciate dalla legge, si configuri snello e agile, il più possibile deburocratizzato, che sappia procedere con atteggiamento realistico, ma allo stesso tempo, senza piangersi addosso”.

E siccome è qualcosa di nuovo, è bene definire anche chi dovrebbe farne parte: “Un organismo che veda al suo interno protagonisti e parti attive i nostri giovani più attenti e sensibili, che hanno scelto di rimanere qui perché amano la propria terra, e che erediteranno presto il testimone”. 

@raffaelvitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.