04212018Sab
Last updateSab, 21 Apr 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Amandola

Salumi, formaggi, tartufi e cinghiale: cuochi in azione stasera ad Amandola

CUOCHI 1

Tutto pronto, questa sera al ristorante “Madonna di Piane” di Amandola settanta fortunati ospiti potranno gustare il menu legato al progetto di valorizzazione delle eccellenze dell’enogastronomia del Fermano. 

AMANDOLA – Tutto pronto, questa sera al ristorante “Madonna di Piane” di Amandola settanta fortunati ospiti potranno gustare il menu legato al progetto di valorizzazione delle eccellenze dell’enogastronomia del Fermano. Progetto voluto da Fermo Promuove, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Fermo e Marca Fermana, coordinato da Assocuochi della Provincia Fermo, presieduta da Alessandro Pazzaglia. Patrizia, chef del locale, coadiuvata dal consorte Luigi, sta mettendo a punto le pietanze, mentre il servizio di sala sarà garantito dal figlio Francesco. Valorizzazione dei prodotti fermani: ecco allora che sarà proposto l’antipasto di salumi e formaggi con miele dei Sibillini, la zuppa Sibillina al tartufo pregiato, le mezze maniche al ragù di agnello, il cinghiale all’agro dolce con cicoria ripassata e per dolce un …Vettore di castagne, al prezzo "politico” di 25 euro. Va precisato che tutte le materie prime, provengono dall’azienda agricola di famiglia: garanzia di genuinità, che fa scoprire sapori dal gusto unico come solo i prodotti dei Sibillini possono offrire. L

a famiglia Masili proprietaria della struttura, immersa nel verde dei Sibillini, infatti, si distingue sia per le caratteristiche appena accennate sia per la filosofia di Patrizia che, appena coinvolta nel progetto, ha precisato: “Non sono uno chef professionista. Amo la cucina fin da ragazza e ho trasferito le tradizioni della cucina di casa a quella del nostro locale”. Il presidente Pazzaglia, da sempre impegnato nella valorizzazione dei prodotti autoctoni, che poi sono quelli della più famosa Dieta Mediterranea, e delle tradizioni della cucina locale ha apprezzato: “Quella di Patrizia è la filosofia della buona e sana cucina – ha detto – perché i prodotti che la nostra terra ci regala, vanno soltanto cotti, senza manipolazioni, per apprezzare il loro gusto e la freschezza garantita dal chilometro zero”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.