09212017Gio
Last updateGio, 21 Set 2017 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Amandola

Il Consiglio di Stato sblocca la circonvallazione di Amandola: partono lavori per 5 milioni di euro

Amandola Piazza

La gara si chiuse con la vittoria dell’Ati Beani – Mannocchi. Una assegnazione subito stoppata dal ricorso della ditta seconda classificata, l’Eurobuilding di Servigliano, che ha contestato l’assegnazione dei punteggi finali.

di Raffaele Vitali

AMANDOLA – Un appalto da 5.138.000 euro pronto finalmente a partire. Due anni di stallo da quel 16 dicembre 2014 in cui la Provincia, ancora guidata da Fabrizio Cesetti, aprì la gara per la realizzazione di un collegamento tra la S.P. n. 239 Fermana Faleriense e la S.P. 237 Picena, meglio noto come circonvallazione di Amandola. La gara si chiuse con la vittoria dell’Ati Beani – Mannocchi. Una assegnazione subito stoppata dal ricorso della ditta seconda classificata, l’Eurobuilding di Servigliano, che ha contestato l’assegnazione dei punteggi finali e altri passaggi tecnici svolti dagli uffici della Provincia. Carte al Tar Marche e tutto fermo. Ma c’era anche un altro ricorso pendente, quello della ditta vincitrice al Consiglio di Stato. Ricorso in cui la Beani-Mannocchi contestava la tempistica del ricorso presentato dalla seconda classificata.

L’Eurobuilding aveva ottenuto parziale ragione dal Tar Marche che aveva avviato il procedimento dibattimentale per entrare nel merito. E lo aveva fatto, rigettando l’opposizione dei vincitori così motivandolo: “Avendo, le ricorrenti avanzato istanza di accesso in data 7.1.2016 (entro i 10 giorni di cui all’art. 79, comma 5-quater, d.lgs. n. 163-2006), accolta con decorrenza 22.1.2016, il ricorso principale, notificato in data 8.2.2016 deve considerarsi tempestivo, poiché proposto entro il termine di 40 giorni dalla comunicazione dell’aggiudicazione definitiva (29.12.2015)”.

Ma La Beani-Mannocchi non si è persa d'animo e ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar Marche. Che alla fine di un lungo ragionamento tra incroci di date, pec e documenti consegnati, ha sostenuto che l’Eurobuilding non si è mossa dentro i 30 giorni previsti per legge: “Il ricorso di primo grado è stato notificato in data 8.2.2016, oltre i 30 giorni di rito, non potendosi riconoscere la dilazione di 10 giorni del termine per impugnare, e cioè di 40 giorni decorrenti dal 29.12.2015 ex art. 79, comma 5-quater, d.lgs. n. 163-2006 che si riferisce, espressamente e all’evidenza, alla sola ipotesi di accesso effettuato entro 10 giorni mediante visione ed estrazione di copia degli atti”.

Nella sua decisione finale, il presidente Claudio Contessa della Quinta sezione, assieme al Collegio, ha ribadito l’inammissibilità del ricorso e ha compensato le spese: “Nel caso in esame, l’impugnata Determinazione n. 199 del 29.12.2015 del Dirigente della Provincia di Fermo ha rappresentato compiutamente (promossa quindi la Provincia di Fermo, ndr) e dettagliatamente le operazioni di valutazione delle offerte pervenute, l'oggetto dell'appalto, i lavori della Commissione anche nella disamina dell'anomalia, con la precisazione (pagg. 29-30), precisando che tutti i verbali dal n. 1 al n. 8 e quindi il n. 9 ed il n.10 erano pubblicati sul sito dell'Ente, e comunque allegati in copia alla Determina trasmessa, e ha formato la graduatoria. Dall’esame di tale atto è evidente che il ricorrente era già in possesso di tutte le informazioni essenziali per presentare il ricorso. Conclusivamente, alla luce delle predette argomentazioni, l’appello deve essere accolto e, per l’effetto, in riforma della sentenza impugnata, deve essere dichiarato irricevibile il ricorso di primo grado”. A questo punto tra la Beani Ati e l’avvio dei lavori non c’è più alcun impedimento, tolti i 30 giorni per l'esecutivo e la validazione. Sta ora alla Provincia chiudere la pratica burocratica. Il futuro di Amandola riparte da qui.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.