08222019Gio
Last updateGio, 22 Ago 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Amandola

Mecozzi, l'anti Marinangeli che promette partecipazione: sì al nuovo ospedale, ma tanto da cambiare

LISTA AMANDOLA DEI CITTADINI

Un tema cardine è la “collaborazione con gli altri comuni limitrofi” che i candidati alternativi a Marinangeli ritengono persa per responsabilità dell’attuale sindaco.

Amandola – Sei parole per un programma ambizioso che vuole cambiare Amandola, renderla migliore di quello che è. è questo l’obiettivo che si è dato Adriano Mecozzi, candidato sindaco alla guida della lista ‘Amandola è dei cittadini’.

Un tema cardine è la “collaborazione con gli altri comuni limitrofi” che i candidati alternativi a Marinangeli ritengono persa per responsabilità dell’attuale sindaco. Al fianco del candidato ci sono Monica Bruni, Danilo Del Gobbo, Luca Ercoli, Danilo Forconi, Ilaria Guglielmi, Ottavio Marini, Antonello Mattei, Giulio Saccuti, Luisa Terenzi, Valerio Tidei, Monica Tisi, Raffaele Vittori.

Entrando nel merito del programma, Mecozzi parte dalla parola partecipazione: “Vogliamo i cittadini protagonisti della gestione pubblica, con un coinvolgimento continuo e non saltuario. Non vogliamo imporre decisioni, modelli organizzativi e gestionali, progetti, specialmente riguardo materie importanti, ma coinvolgere i cittadini, i comitati, le associazioni, con consulte permanenti. Un ascolto continuo”. C’è poi il tema del lavoro, che tocca un po’ tutte le amministrazioni al voto: “Le imprese soffrono, dal commercio all’artigianato, nuove industrie non ci sono. Vogliamo creare un Distretto Montano delle Imprese con sede ad Amandola, con un gruppo di consulenti per la programmazione, progettazione e sviluppo aziendale, per intercettare i corposi finanziamenti esistenti, anche in aiuto alle start up specialmente di giovani, con incentivi mirati perché possano lavorare ad Amandola”.

Il candidato tocca anche il tema appalti: “Per qualsiasi lavoro comunale daremo priorità assoluta alle imprese, artigiani, commercianti, associazioni di Amandola”. Alla voce turismo, Mecozzi è ugualmente critico: “È stato concentrato solo su pochissimi grandi eventi. Con i commercianti, condivideremo forme d’incentivazione, con l’aiuto del comune, per intercettare il nuovo grande flusso turistico verso il Santuario dell’Ambro e la zona dei Sibillini. Per riuscirci ricostituiremo la Pro Loco”. Immancabili due altre parole: ricostruzione e ospedale: “La prima cosa che farò è riorganizzare l’ufficio tecnico, dividendo le pratiche sisma dalle altre per accelerare tutto. Sull’ospedale siamo favorevoli al nuovo ospedale con tutti i servizi necessari, molti dei quali sono stati portati via in questi anni e chi dice il contrario dice il falso. Ma occorreranno molti anni nel mentre sistemiamo tutto nel vecchio, inclusa medicina, dove ora sono collocati radiologia, tac e punto di primo intervento”. Ultimo punto del programma, la realizzazione di una casa di riposo.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.