05252019Sab
Last updateSab, 25 Mag 2019 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Amandola

Amandola stupisce ancora: bandiera arancione del Touring Club. 'Bella e con accoglienza di qualità'

amandolaarancione

Amandola è il 23esimo comune delle Marche a ottenerla (terza regione d’Italia per numero), il secondo nella provincia di Fermo.

AMANDOLA – Chi perde le bandiere blu, chi prende quella arancione. Prestigioso riconoscimento per il comune di Amandola guidato dal sindaco Adolfo Marinangeli che fa un altro passo verso la ‘cancellazione’ mediatica, ma non d’azione, del terremoto del 2016. Il Touring Club Italiano ha assegnato alla città dei Sibillini la bandiera arancione, riservata ai piccoli borghi italiani eccellenti. Amandola è il 23esimo comune delle Marche a ottenerla (terza regione d’Italia per numero), il secondo (l'altro è Monterubbiano) nella provincia di Fermo. La bandiera viene assegnata alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità.alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità.

“Amandola, che ha subìto gravi danni durante il sisma del 2016, ha saputo ripartire e ha deciso, anche grazie ai suggerimenti del Touring in occasione di una precedente candidatura nel 2014, di puntare sul turismo sostenibile e di qualità come leva per risollevare il territorio. L’assegnazione della Bandiera arancione, dunque, oltre a certificare l’alto livello di qualità turistica raggiunto, è anche un incoraggiamento per la comunità locale a proseguire sulla strada intrapresa, fronteggiando alcune problematiche ancora irrisolte derivate dal terremoto, consapevoli delle proprie potenzialità” commentano i vertici del Touring Club.

Amandola è stata premiata con la Bandiera arancione per il centro storico caratteristico e ben conservato, immerso in un contesto naturalistico di grande pregio. “Il borgo è vivace, con diversi punti vendita dove acquistare i prodotti tipici. Per organizzare al meglio la visita sul territorio, è attivo ed efficiente un punto informativo nel centro storico, con orari estesi e ricco di materiali informativi” ribadiscono i severi ispettori.

Nel consegnare la bandiera arancione, il Touring Club ha sottolineato i punti di forza “della porta est del Parco Nazionale dei Monti Sibillini”, partendo dal centro storico, passando per le risorse storico-culturali e per le valenze ambientali e paesaggistiche come Beato Antonio, torrione del Podestà. “Da segnalare anche le numerose attività sportive e all’aria aperta offerte dal territorio, con passeggiate, escursioni in mountain bike, kayak e vela sul lago di San Ruffino. Tante le eccellenze gastronomiche (miele, formaggi vaccini e yogurt, marmellate, insaccati e i pregiati tartufi), al centro di alcune manifestazioni importanti come Diamanti a Tavola e la Festa del gelato artigianale”. Un riconoscimento per un Comune che dal 2016 ha saputo investire ingenti risorse, trovate tramite bandi e finanziatori, nelal promozione del comune, facendolo tornare un riferimento anche a livello internazionale e riuscendo addirittura a far cucinare il miglior chef del mondo, Bottura, nelal rinnovata cucina realizzata nel cineteatro Europa.

@raffaelevitali

 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.