10232017Lun
Last updateLun, 23 Ott 2017 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Braccio caldo per Salgado e Vecchi, la Videx schiaccia l'Olimpia e resta prima

Per i grottesi neanche il tempo di festeggiare che si torna in palestra, in vista della trasferta a Ferrara contro una compagine in piena lotta play off. Il sogno promozione continua.

Salgado dal centro


GROTTAZZOLINA – La capolista non si ferma. Una grande Videx ha annientato Sant’Antioco in una sfida senza discussione, in cui gli uomini del tandem Ortenzi – Cruciani.

Certo, l’Olimpia non era l’avversario di cui impaurirsi, visto che è penultima in classifica, ma l’orgoglio mostrato nel terzo sete le rende merito. Però, quando la Videx trova un Salgado perfetto al centro e Riccardo Vecchi che martella, per gli avversari diventa difficile restare in partita.

Per i grottesi neanche il tempo di festeggiare che si torna in palestra, in vista della trasferta a Ferrara contro una compagine in piena lotta play off. Il sogno promozione continua.

M&G VIDEX GROTTAZZOLINA: Vecchi R. 13, Tomassetti 5, Hendriks 14, Paris 10, Salgado 8, Cecato 5, Gabbanelli (l). N.e.: Brandi, Girolami, Minnoni, Pison, Thiaw, Vecchi E. All. Ortenzi - Cruciani.


Come vola il giavellotto di Ilaria: nuovo record marchigiano per la sangiorgese Del Moro

Nei quattro lanci effettuati ha sempre superato il suo personale primato, facendo volare l’attrezzo oltre il muro dei 40 metri: 40,75 – 40,85 – 40,88 - 41,50 m. 41,50 m. 

Ilaria Del Moro


PORTO SAN GIORGIO – Ilaria Del Moro ha lanciato il giavellotto più lontano che poteva. L’atleta della Tam Porto San Giorgio-Osimo-Corridonnia ha stabilito il nuovo record delle Marche con un sontuoso 41,50 durante le gare di Lucca. Peccato solo che l’eccellente prestazione personale non sia bastata a garantirle un podio. Il quarto posto, però, diventa per la ventenne sangiorgese lo stimolo su cui lavorare.

Nei quattro lanci effettuati ha sempre superato il suo personale primato, facendo volare l’attrezzo oltre il muro dei 40 metri: 40,75 – 40,85 – 40,88 - 41,50 m. 41,50 m. 

"Ora le medaglie". Un kit da grandi atleti per i ragazzi Fisdir della Virtus Nuoto Fermo

Come dice il tecnico Crucinio “questi ragazzi hanno già vinto. Per il loro impegno, per il loro divertirsi, per la loro voglia di migliorare che negli ultimi tre anni hanno portato risultati incredibili”. 

fisdircompleto


di Raffaele Vitali

FERMO – La gioia negli occhi. La voglia di indossare il kit. Il desiderio di portare quei colori e quei costumi sul gradino più alto del podio. Una consegna piena di gioia quella che è andata in scena nella piscina comunale di Fermo. I borsoni erano tutti ordinati e ammassati vicino alla balaustra. Ogni atleta che arrivava li guardava, ma nessuno li ha toccati. Non fino a quando Maria Rita Felici, anima dell’associazione ‘Una parte del Mondo’, non li ha chiamati uno per uno. Sono i portacolori della Fermo Nuoto che gareggiano con il campionato Fisdir. Sedici campioncini che al loro essere down, autistici, borderline o ipovedenti uniscono talento, determinazione, capacità di sacrificio. Caratteristiche che quattro volte a settimana li fanno scendere in acqua agli ordini dell’allenatore, osannato dal gruppo, Cosimo Crucinio, patentino federale e specializzazione nel settore disabilità. “Sono sedici i tesserati, venti quelli che sto allenando. Si passa dai 12 anni del più giovane ai quaranta. Tutti uniti dalla stessa passione. E ve lo dico io che da cinque anni lavoro al loro fianco”.

Quattro volte a settimana, due ore per ogni allenamento, tutte le specialità praticate. Sembra la normalità, ma non è così: “In questa piscina si fa qualcosa di incredibile grazie alla Buonconvento che gestisce l struttura. In molte altre città si sceglie di dare un’ora in più al nuoto libero, che porta incassi anche del 60% superiori. Ma qui a Fermo - ribadisce l’allenatore – si fa nuoto per tutti e con l’obiettivo di raggiungere gli stessi risultati”.

Non esistono normo dotatati o diversamente abili quando si scende in acqua. Le barriere scompaiono, grazie all’allenamento costante, grazie all’incredibile voglia di migliorare mostrata dagli atleti della Fisdir. “Una voglia che è anche superiore a quella dei cosiddetti normali” ribadisce Crucinio dando appuntamento ai ragazzi per le gare regionali di domenica mattina dove sfideranno un altro centinaio di atleti. “E sarebbe bello che Fermo venisse a fare il tifo”.

“Volendo, molte famiglie si sarebbero potute comprare il kit da sole. Molte, ma non tutte e questo non ci piaceva. Così, abbiamo atteso fino a quando non c’è stata l’opportunità di dotare tutta la squadra del borsone completo” sottolinea Maria Rita Felici. L’opportunità ha nome e cognome, anzi due: Luca Renzi e Tonino Tidei. Il primo è il presidente dell’associazione Favolare che ha contribuito per la maggior parte delle risorse, regalando il ricavato dello spettacolo ‘Accendiamo la Lampada’. Il secondo è il padre di Giacomo Tidei, a cui è dedicata un’altra associazione sempre molto vicina a chi ha bisogno. A loro si aggiunge la Solgas, sempre vicina a chi merita.

“Il traino della città siete voi. Noi – chiosa l’assessore allo Sport Alberto Scarfini – siamo un angolo di disponibilità che nulla potrebbe senza voi associazioni”. I ragazzi fremono, vogliono il kit, ma prima c’è don Mario Lusek che le deve benedire: “La vostra bellezza vi farà volare in acqua. Lo sporte è cosa gradita a Dio perché una persona in armonia con se stessa è più disponibile alla fraternità, all’incontro, all’ascolto dell’altro. Sono certo che questi equipaggiamenti vi renderanno ancora più forti”. E le gare lo dimostreranno. Ma come dice Crucinio “questi ragazzi hanno già vinto. Per il lor impegno, per il loro divertirsi, per la loro voglia di migliorare che negli ultimi tre anni hanno portato risultati incredibili”. Che possono crescere ancora a marzo, quando a Saronno ci saranno gli Italiani e 5 atleti fermani scenderanno in acqua dopo aver cantato l’inno: “E’ bellissimo, lo sanno tutti e lo cantano con l’orgoglio di chi sente di rappresentare tutta l’Italia” conclude il coach sommerso dai suoi ragazzi dopo la consegna del materiale tecnico.

@raffaelevitali 

Sono bravi, sono atleti e da oggi sono completi: un super kit per la Virtus Nuoto Fermo

L'equipaggiamento potrà essere esibito già domenica, in occasione della seconda prova del Campionato regionale Fisdir settore promozionale, cui partecipano 8 squadre, per 70 atleti, provenienti da tutta la regione.

equipaggiamento Virtus Nuoto


FERMO - Ci sono collaborazioni che diventano ottimi esempi di buone pratiche legate allo sport, al sociale, all'aggregazione e che vedono insieme istituzioni, privati, associazioni. La Virtus Nuoto Fermo, le associazioni Favolare, Giacomo Tidei e Una Parte del Mondo ne sono la conferma.

Giaccone, tuta completa, borsone, cappello e borsello: è il kit completo dei 25 equipaggiamenti che saranno in dotazione ai ragazzi e allo staff della Virtus Nuoto Fermo grazie a Favolare (di cui è presidente Luca Renzi), che ha devoluto a questo scopo il ricavato dello spettacolo 'Accendiamo la lampada' (andato in scena al teatro dell'Aquila agli inizi di gennaio). I ragazzi potranno completare l'equipaggiamento con accappatoio, costume e ciabatte acquistati grazie alla generosa donazione fatta dall'Associazione 'Giacomo Tidei' a 'Una parte del mondo'.

Per la consegna ufficiale del materiale è stato organizzato un momento pubblico, domani alle 18, nella piscina comunale: una festa cui interverranno gli amministratori e, a titolo rigorosamente gratuito, personaggi e artisti come Carlotta Maggiorana, Simone Riccioni e la Mabo Band. L'equipaggiamento potrà essere esibito già domenica, in occasione della seconda prova del Campionato regionale Fisdir settore promozionale, cui partecipano 8 squadre, per 70 atleti, provenienti da tutta la regione: Anthropos Civitanova, Aispod Fano, Cavalluccio Marino San Benedetto, Futura Sport Macerata, Arcoiris Ancona, Team Marche Fano, Mirasole Fabriano, Gente di Nuoto Ascoli.

La Virtus conta 16 ragazzi tesserati Fisdir (Federazione italiana sport disabilità intellettiva e relazionale), un adulto tesserato Finp, il presidente Gianluca Valeri, il coach Cosimo Crucinio, il medico Stefano Ceteroni e 6 ragazzi inseriti nel settore avviamento. Un elogio alle associazioni e alla società sportiva che hanno reso possibile questo risultato è arrivato dagli assessori allo sport, Alberto Maria Scarfini, e ai servizi sociali, Mirco Giampieri: “Il vostro impegno e la vostra grinta sono per noi un traino.

Soddisfatta l'instancabile presidente di 'Una parte del mondo', Maria Rita Felici grata alle associazioni che hanno reso possibile questo piccolo grande traguardo i cui loghi campeggeranno sulle divise degli atleti. “La Virtus è probabilmente la prima squadra in Italia ad avere un equipaggiamento completo grazie a una sinergia come quella creata qui a Fermo” ha commentato Gianluca Valeri, presidente della Virtus, sottolineando che “lo sport ha un valore sociale e aggregativo molto importante per i ragazzi”.

Sono già numerosi gli appuntamenti sportivi che vedranno impegnati i ragazzi della Virtus Nuoto Fermo: dal 4 al 6 marzo, a Saronno, il campionato nazionale Fisdir vasca corta sezione agonistico; dal 6 all'8 maggio a Poggibonsi, il campionato nuoto per salvamento organizzato dalla società Virtus Buonconvento (che gestisce la piscina comunale di Fermo).

Poco importa l'esito delle gare. Questi ragazzi hanno già vinto la loro sfida in termini di solidarietà, coinvolgimento e partecipazione. 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.