09212018Ven
Last updateGio, 20 Set 2018 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Ciclismo Internazionale. Il colombiano Einer Augusto Rubio Reyes trionfa al 47° GP Capodarco

Rubio Reyes Capodarco arrivo 500x334
Quella che è andata in scena è stata davvero una bellissima manifestazione che ha visto al via 167 corridori.
FERMO – Il colombiano Einer Augusto Rubio Reyes ( Vejus-TMF) si è aggiudicato con arrivo in solitario il 47° Gran Premio Capodarco-Comunità di Capodarco. Al secondo posto è giunto Davide Casarotto (General Store Bottoli), al terzo Dario Puccioni ( Sangemini MG K Vis). Il vincitore lo scorso anno ai Muri Fermani e del tappone quest’anno del Giro D’Italia Under 23, con una grande azione di forza, ha messo tutti in fila per la gioia dei tanti appassionati.  
Quella che è andata in scena è stata davvero una bellissima manifestazione che ha visto al via 167 corridori in rappresentanza di 35 formazioni, nove delle quali straniere. 
Si è partiti come sempre dal Monumento Fabio Casartelli, presenti i genitori Sergio e Rosi e insieme a loro anche Marco Scarponi, fratello del compianto Michele. Prima della partenza è stato osservato un minuto di raccoglimento anche per le vittime di Genova e per Oliviero Muccini fondatore della Città dello Shopping di Misano Adriatico da sempre vicino al GP Capodarco-Comunità di Capodarco. 
La partenza ufficiale è avvenuta dallo stabilimento Vini Santa Liberata per il primo tratto pianeggiante per i cacciatori di traguardi volanti. In pianura attacco di sette uomini: Quentin Guex (Iam Excelsior),  Suter (Akros-Renfer), Micheletti (Viris Vigevano), Longagnani (Biotraining),  Zoccarato (General Store Bottoli),  Lanzano (Team Cervelo) e Viola (Gm Europa Ovini). Dopo i 54 km in pianura tra P.S.Giorgio e Lido di Fermo i corridori hanno iniziato le ascese verso Capodarco. Perdevano contatto dalla testa della corsa Viola e Lungagnani, rimanevano in cinque. Successivamente perdeva le ruote anche Quentin, Suter invece riusciva a rimanere incollato a Micheletti, Zoccarato e Lanzano. Poi rimanevano in due, Micheletti e Zoccarato, il gruppo recuperava, al km 122 e solo al comando rimane Zoccarato, da dietro provano a rinvenire Verza, Kuzmin, Fatkullin. Al km 149 Zoccarato veniva raggiunto Kuzmin, Verza e Fatkullin. Nel corso del terzultimo giro, Kuzmin (Team Astana City) e Fatkullin (Nazionale Russa) lasciano la compagnia e iniziano la fuga che li ha visti transitare al suono della campana con 55” di vantaggio. Sembrava fatta invece, gli inseguitori rientravano e sull’erta finale il colombiano Rubio Reyes rompeva gli indugi e si involava in solitario. Al suo inseguimento si gettava Davide Casarotto. Rubio Reyes resisteva e vinceva a braccia alzate precedendo Casarotto e Puccioni. 
Ordine di arrivo: 1° Einer Augusto Rubio Reyes ( Vejus-TMF)
 
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.