Il ring in piazza per ricordare Pipi Pennente. 'E' la prova, vogliamo il campionato italiano'

boxepipi

Quattro manifestazioni per la Nike pugilato in questa estate: in tutte abbinato sociale e turismo. “Con il guanto d’oro abbiamo portato 1828 pernottamenti” sottolinea Luciano Romanella.

FERMO – Due anni fa in Piazza del Popolo, un anno fa a Lido e ora il ritorno nel cuore della città: Si creò un perfetto connubio tra il jazz e la boxe, che è uno sport che affascina. “E’ la storia dello sport”. E poi, domenica non è un match come gli altri, perché si Luigi ‘Pipi’ Pennente, volto dell’Usa Santa Caterina. Il ring in piazza l’8 luglio è un unicum, come lo sarà il campo da basket sabato 14, lo sport si trova bene nel salotto cittadino.

Quattro manifestazioni per la Nike pugilato in questa estate: in tutte abbinato sociale e turismo. “Con il guanto d’oro abbiamo portato 1828 pernottamenti” sottolinea Luciano Romanella. “E’ vero, mi hanno fermato numerosi gestori di attività per dire grazie” aggiunge il sindaco. Poi tappa a Visso, per promuovere il territorio e poi Lido di Fermo. “Oggi saliamo sul ring per un personaggio che ha fatto la storia di Fermo”. Ma non si accontenta il grande promoter Luciano Romanella: “Il 22 saremo a Montegiorgio, con il pugilato in piazza, e stiamo lavorando per un botto finale con una serata di boxe a Tre Archi”. Sarebbe un ulteriore segnale di coinvolgimento di ogni angolo della città entrando il quartiere più multi etnico.

I numeri li dà Fausto Rocco, rappresentante boxe nel Coni: “Dieci incontri, principalmente boxeur marchigiani. Sul ring anche un tredicenne e due quindicenni abruzzesi a sfidarsi con i campioncini locali. Ci saranno poi due incontri Élite e tre senior”.

Maurizio Natali, presidente dell’Usa Santa Caterina: “Il ring lo vedo legato alla palestra Coni. Se siamo qui è grazie al lavoro dell’assessore Scarfini, al supporto della Nike, alla famiglia Pennente. La piazza è il luogo ideale. Già ragioniamo sul prossimo anno, per decidere se abbinarci magari una sfilata di moda per dare ancora più risalto al centro cittadino”.

Il sogno finale è di Romanella: “Prima o poi abbandonerò il mio ruolo, ma non prima di aver organizzato un campionato italiano in piazza del popolo a Fermo. Fino a quel momento non abbandono, ci siamo quasi. Abbiamo tutti i requisiti, avremo anche lo sponsor. Quando montiamo il ring ci dice solo questo: stiamo facendo le prove per l’evento finale con la diretta Rai”. E il sindaco sorride e attende, perché fermo può solo diventare più attrattiva.