Dalla piazza perfetta agli scavi piceni: la corsa che unisce Servigliano e Belmonte

belmoservi5

Michele Governatori della Polisportiva Servigliano dà i numeri: già duecento gli iscritti, un anno fa 900 persone in strada. Torna anche il nord walking grazie a un’associazione di Civitanova Marche.

SERVIGLIANO – In marcia tra Belmonte Piceno e Servigliano. Dai piceni ai frati minori osservanti. Sesta edizione della marcia dei due Comuni, appuntamento a domenica mattina. “Due percorsi, uno competitivo da 13 chilometri e un percorso di 9 chilometri adatto per le famiglie lungo il Tenna”. Si parte da Servigliano, iscrizioni dalle 8 per partire alle 9.

“Prenderanno parte anche le scuole elementari e medie per sensibilizzare i giovani all’avviamento allo sport” spiega Michele Governatori della Polisportiva Servigliano. Già duecento gli iscritti, un anno fa 900 persone in strada. Torna anche il nord walking grazie a un’associazione di Civitanova Marche.

Cresce la Polisportiva, passata da sei iscritti a 40. “Ci ritroviamo la sera e ci alleniamo, poi la domenica a correre”. I comuni sono al fianco di Michele e del suo gruppo: “E’ stato un sì spontaneo. Noi collaboriamo per il meglio. Farlo anche a livello di sport è importante. questo è nu modo di rinnovare ogni anno un patto d’amicizia. Una volta capita nello sport, un’altra sarà per la cultura o l’amministrazione. Se partiamo da piazza Roma, realizzata nel 1772 e poi arriviamo a Belmonte deve c’è un patrimonio archeologico di enorme valore. Ecco che con 12 chilometri tocchiamo dei poli culturali in 3D” sottolinea Marco Rotoni. “Grande spirito di aggregazione e partecipazione, siamo arrivati anche a Norcia. “Una giornata che porta conoscenza” ribadisce Bascioni che ricorda come la regione Marche supporti l’iniziativa grazie a un fondo sulla promozione sportiva nei comuni del cratere.

In piazza dopo corsa e camminata, festa di gruppo con i prodotti tipici: “Dopo la breve camminata c’è la lunga magnata” sottolineano sorridendo i due sindaci. “In azione entrano anche i ragazzi del corso di formazione culinaria e turistica organizzato da Wega proprio a Servigliano”.