11222017Mer
Last updateMer, 22 Nov 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Fermana, manca solo il gol: ottimo pari con il Vicenza. Brilla Clemente

akammasansovini

Non ci sono grandi occasioni per la Fermana, tolta una di Petrucci che si crea da solo e che sciupa non servendo Lupoli al momento opportuno, mentre Valentini deve allungarsi un paio di volte stile superman per fermare le conclusioni di Giacomelli e Di Giorgio.

FERMO – Solida, determinata, ambiziosa: ecco la Fermana allenata da Flavio Destro che inchioda sullo 0-0 il Vicenza. Bel pubblico, cielo azzurro e in campo il pallone che corre, soprattutto nel secondo tempo quando le squadre si allungano e il centrocampo spesso viene saltato. Cosa normale per la Fermana, che se può evita di passare per i piedi di Misin, che rallenta troppo il gioco, ma non per il Vicenza che invece ama costruire le azioni per arrivare ai suoi attaccanti. La fascia presidiata da Clemente, il migliore, e Petrucci si conferma il pezzo pregiato della compagine canarina. A tal punto che dopo un primo tempo sonnacchioso, dopo due folate del biondo di Ascoli, l’allenatore dei biancorossi, Colombo, toglie il capitano per inserire Beruatto. È chiaro che il primo pensiero è non prenderle, visto che Sansovini, dopo aver toccato tre palloni in 60’ va per due volte al tiro.

Non ci sono grandi occasioni per la Fermana, tolta una di Petrucci che si crea da solo e che sciupa non servendo Lupoli al momento opportuno, mentre Valentini deve allungarsi un paio di volte stile superman per fermare le conclusioni di Giacomelli e Di Giorgio. Ma che Destro non volesse pareggiare lo dimostra l’ingresso di Akammadu a cinque minuti dalla fine, dopo che Cremona aveva sostituito Lupoli per continuare a spingere e provare a mettere Sansovini con la palla nei piedi ma dentro l’area.

La Fermana esce di nuovo tra gli applausi e conferma che per batterla non basta giocare bene, serve il colpo del campione o, come accaduto con il Bassano, un errore gialloblù. Se con il Bassano finì 18 angoli a 2, con il Vicenza erano 7 a 0 al 90’. La Fermana attacca, non segna, ma gioca. Avanti così, anche con un Akammadu che non ha paura di nulla e a forza di spallate può superare tutti.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.