05202019Lun
Last updateLun, 20 Mag 2019 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Gioca male e vince la Fermana di Destro: "Voglio di più, ma la vittoria ci carica"

destroprimopiano

Quando Degano supera i difensori e infila il portiere ospite il 3-1 sembra finita. Mancano poco più di 20 minuti.

FERMO – Giocare male e vincere: si può. Tre gol fatti, due subiti e tanti rischi per una fermana che ora guarda davvero verso l’altro, ma non festeggia. “Troppi errori, impossibile accontentarsi di questa vittoria” sottolinea subito il tecnico dei canarini Flavio Destro.

Senza Comotto e Forò, con Cremona usato solo per 20 minuti, forse la Fermana non poteva fare di più. Di certo l’Isernia, in cerca di punti salvezza, ce l’ha messa tutta. E il vantaggio ospite poteva tagliare le gambe ai locali, ma Valdes trova quel gol del pari che permette a Destro di ricaricare le pile e le idee ai suoi durante l’intervallo. Detto fatto: Molinari tocca una palla e segna. È il quarto minuto, piattone del bomber e il sorriso torna in curva.

Quando Degano supera i difensori e infila il portiere ospite il 3-1 sembra finita. Mancano poco più di 20 minuti. Ma La Fermana è in vena di regali. “Posso dire che abbiamo fatto tutto noi, anche i gol loro. C’è mancato poco che non gettavamo un’altra importante vittoria”. Quel gol al 46’ del secondo tempo fa correre un brivido sulla schiena del presidente Parlatoni. Ma non basta all’Isernia. “Non cominciamo a parlare di play off. Il nostro futuro si chiama Giulianova, squadra che deve salvarsi”. Ma con Molinari che finalmente sfata il tabù Recchioni si può sognare: “Avrei voluto fare gol sotto la curva Duomo, ma Maggi ha fatto una grande parata. Per fortuna c’era Valdes a correggere in rete. Dovevamo vincere e abbiamo vinto, ma possiamo migliorare”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.