08192019Lun
Last updateLun, 19 Ago 2019 12pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Fermana, l'appetito vien mangiando. Destro: 'Vorrei vincere tutte le partite, ma ci vuole equilibrio'

destrocieloblu

L'allenatore canarino: Prima di Teramo abbiamo fatto bene. Gli avversari non hanno mai tirato in porta, ma abbiamo preso un punto. Domenica hanno tirato più volte, ma il nostro portiere è stato bravo e si è vinta la partita.

di Raffaele Vitali

FERMO – Incontro con la società e poi la vittoria, mister Flavio Destro è andato così bene il dialogo con Maurizio Vecchiola?

“Quando Vecchiola viene al campo ci fa sempre piacere, sono momenti importanti. La vicinanza della proprietà in momenti delicati è fondamentale”.

Una vittoria che dà serenità alla Fermana?

“Ci dà un po’ di tranquillità. Ma credo che ci debba essere soprattutto equilibrio. Prima di questa gara abbiamo fatto bene. Gli avversari non hanno mai tirato in porta, ma abbiamo preso un punto. Domenica hanno tirato più volte, ma il nostro portiere è stato bravo e si è vinta la partita. Se però guardiamo al campo, nelle gare in cui abbiamo avuto molte critiche, c’era stato molto di positivo. Poi al primo errore siamo stati puniti. Domenica abbiamo sbagliato e il nostro portiere ci ha salvato”.

Tre anni di Fermana, lei ha sempre raggiunto gli obiettivi con largo anticipo.

“Abbiamo fatto cose positive. Anche ora e abbiamo due mesi e nove partite. La volontà è di mettere in campo il meglio di noi stessi”.

Salvezza conquistata. Ora?

“La matematica non c’è. Siamo in un’ottima posizione che ci deve dare la giusta tranquillità e la giusta determinazione per andare a cercare di fare più punti possibile, visto che dall’inizio dell’anno siamo tra i posti della classifica che contano”.

Qualcuno si è ingolosito dentro la società?

“Chiunque ama la Fermana ha il desiderio di rimanere in alto. Ho l’obiettivo di cercare di vincere tutte le partite, poi vediamo se le altre squadre sono d’accordo”. 

Cosa ha fatto cambiare l’obiettivo stagionale della Fermana?

“Abbiamo 40 punti, ma sono tanti quelli a disposizione. I ragazzi nel corso dell’anno, se analizziamo le prestazioni, credo che forse ne hanno sbagliate tre di partite: le due col Gubbio e quella con il Ravenna in casa. Dal punto di vista dinamico, cuore e spirito di gruppo non sono mai mancate le prestazioni. Poi non basta la buona gara per raccogliere i punti. Giornata dopo giornata, l’autostima è cresciuta, perché il gruppo fa bene. Noi vogliamo continuare a giocare bene per toglierci qualche soddisfazione”.

Prima di Teramo circolava una brutta aria, qualcosa da dire?

“Abbiamo sbagliato col Gubbio, con Vicenza e Pordenone dovevamo raccogliere minimo 4 punti. Poi è ovvio che nascono dubbi e incertezze, cala l’autostima. E poi magari fai tre punti quando non li meriti. Non ho sassolini nelle scarpe, a 57 anni sono navigato. Conosco bene i meccanismi del calcio e come evolvono le cose. Il mio consiglio è di non dimenticare mai la parola ‘equilibrio’. Rabbia e passione ci sono, l’equilibrio aiuta a vivere al meglio i due momenti, quello negativo e quello positivo. Di certo io non ho nessun problema”.

Destro, di positivo c’è anche il nuovo arrivato Malcore che fa gol.

“Poteva farne almeno un altro. È stato bravo a sfruttare l’occasione. Lui si allenato bene in queste settimane, doveva recuperare la forma. Mi è piaciuto proprio nel suo rincorrere gli avversari, nell’aiutare la squadra nei momenti difficili. Questo deve fare un attaccante che gioca nella Fermana, ma in generale in questo calcio moderno”.

Altre note positive?

“Eravamo in emergenza dietro, ma devo sottolineare il sacrificio di Urbinati contro uno degli attaccanti più in forma e ha fatto bene. La capacità di questo gruppo di coprire ruoli non propri è il valore aggiunto”.

E ora il Rimini.

“All’andata ci ha battuto, ci ha sorpreso. Stanno facendo bene, viene da buoni risultati dopo il cambio di allenatore che gli ha dato compattezza. Ora vediamo, rispetto al Teramo giocano con una punta e un trequartista. Hanno dei buoni giocatori che possono fare qualcosa all’improvviso e soprattutto tolgono spazio”.

Come sta la squadra?

“Note dolenti. Su Iotti ci sono dei problemi (nella nota della società si parla solo di affaticamento muscolare, ndr), mentre Soprano sta un pochino meglio, ma non sono ottimista per domenica”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.