07222018Dom
Last updateSab, 21 Lug 2018 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Più Testa senza Powell. Maspero si allontana mentre Pancotto studia Caroti per la Poderosa

Filippo Testa

Il primo acquisto della Xl Extralight potrebbe essere paragonato a un I-phone rigenerato, di quelli che se passano sotto i tecnici giusti tornano il top di gamma. Perché Testa, ala 21 enne, non era diventato per caso capitano della Nazionale Under 16.

MONTEGRANARO – La prima sfida di Cesare Pancotto è stata scegliere la Poderosa al posto di panchine più ricche. La seconda, delle tante che arriveranno, si chiama Filippo Testa. La terza è fari digerire quanto prima ai tifosi la partenza, annunciata di Powell. Che poi, se uno ripensasse con lucidità al campionato trascorso, il lungo è il giocatore che con le sue pause mentali, scatti d’ira e falli demenziali ha messo più in difficoltà Rivali e compagni.

Il primo acquisto della Xl Extralight potrebbe essere paragonato a un I-phone rigenerato, di quelli che se passano sotto i tecnici giusti tornano il top di gamma. Perché Testa, ala 21 enne, non era diventato per caso capitano della Nazionale Under 16 agli Europei cinque anni fa. Talento puro e dominante tra i pari età, si è fatto le ossa in C prima di brillare in serie B, dove è stato visto e messo sotto osservazione dal Dg gialloblù Bolognesi. Poi, l’anno scorso, una stagione con più ombre che luci a Trapani.

Pancotto è convinto che il vero Testa sia quello visto in B: “Ha ampi margini di miglioramento e forti motivazioni per poter crescere”. Sarà il cambio di Corbett, ma può garantire anche minuti da ala piccola, ancora di più se resterà Luca Campogrande.

Per chi pensa che la Poderosa sia al momento ferma, va ricordato che Corbett, Amoroso e Treier confermati sono un bel punto di partenza. Perché il primo aveva offerte da mezza Italia, mentre il secondo è senza dubbio il miglior prospetto nello spot 3-4. Tra l’altro, Treier partirà senza il gap dell’anno scorso, visto che la caviglia è ormai pienamente recuperata. A loro si poteva aggiungere, solo annuendo con la testa, Lorenzo Maspero. Ma le sirene sono sempre in agguato e la fiducia del coach e di capitan Amoroso sembrano non bastare alla comboguard. E anche in questo caso, le alternative non mancano a cominciare da Lorenzo Caroti, classe 1997 come Testa, già passato per la nazionale maggiore grazie alla chiamata di Meo Sacchetti a dicembre e considerato uno dei migliori play in prospettiva. Quest’anno a Reggio Calabria ha giocato 28minuti di media chiudendo anche con 7 punti e ampi margini di miglioramento soprattutto nel tiro da tre punti.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.