08212018Mar
Last updateMar, 21 Ago 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

The Powell of love: Trieste si inchina e la Poderosa fa festa in uno splendido PalaSavelli

podetrieste4

Quando il lungo americano gioca così diventa tutto più facile. certo, due appoggi consecutivi sbagliati hanno permesso a Trieste di tornare in partita, quando sul + 10 Poderosa sembrava finita.

di Raffaele Vitali

PORTO SAN GIORGIO – Ci vediamo domenica, ore 18. La Poderosa vince porta la corazzata Trieste a gara 4. Non poteva che finire così, dopo lo scippo di gara 2, quando i gialloblù avrebbero meritato di espugnare il palasport triestino. Una gara perfetta chiusa 79-75, con il brivido finale perché Trieste non muore mai. Ma questa sera Powell era concentrato e ha messo in mostra tutto il suo talento. Che sarebbe da serie A se solo non avesse delle pause mentali.

Questa Poderosa non è inferiore alla squadra di coach Dalmasson e mai come in questa serie sta emergendo la lucidità di coach Gabriele Ceccarelli. Sarà che non ha più niente da perdere, ma ha deciso di scegliere, di incidere nelal serie non solo con i consigli durante i time put. Il primo cambio di Amoroso è stato perfetto, non solo perché ripagato da 8 punti di fila di Treier. il giovane arrivato da Torino è stato quasi perfetto e questo ha dato serenità anche al capitano che su quella panchina si è seduto, rialzandosi sempre con sorriso e determinazione.

Quando il lungo americano gioca così diventa tutto più facile. certo, due appoggi consecutivi sbagliati hanno permesso a Trieste di tornare in partita, quando sul + 10 Poderosa sembrava finita. Ma c’è sempre capitan Amoroso a mettere tutto a posto quando le cose si complicano. Prima segna, poi dopo che Mussini, trottolino difficilissimo da marcare anche per le giovani gambe di Maspero, mette la tripla del -3, si fa tamponare da Bowers: quinto fallo dell’americano che per due quarti aveva dominato sul parquet.

Ha funzionato tutto negli ultimi minuti in cui i due allenatori hanno chiamato time put in serie per costruire la miglior azione e cercare di togliere la concentrazione all’avversario. Ma è qui che Ceccarelli ha segnato il match: lo schema è stato semplice, forse anche memore di gara 2 persa per un non tiro finale: la pala va nelle mani di Corbett, poi sarà lì a giocarsela magari con Powell e così facendo, gli americani hanno segnato gli ultimi dieci punti. Certo poi serviva la difesa e la Poderosa questa sera ha dimostrato che sa anche non far segnare l’avversario.

Vittoria, quindi, con un super Powell e un’ottima prestazione di gruppo. Domenica alle 18 si rigioca, obiettivo tornare a Trieste e provare a cambiare la storia di un play off che per gli esperti era già scritto, visto che i rossi di Cavaliero devono andare in serie A. ma, ed è il ma più bello, la Poderosa questa sera ha scoperto di avere un pubblico vero. Il PalaSavelli è stato splendido dal primo all’ultimo minuto: caldo, partecipe, appassionato. Colpo d’occhio dei vecchi tempi e per chi non c’era, almeno altre 1500 persone possono entrare, quindi, affrettatevi, la biglietteria è già aperta.  

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.