07222018Dom
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Un allenatore da Oscar: Ceccarelli con la Poderosa sul podio della A2

ceccadalma5

Il coach riminese, dopo aver vinto l’anno scorso il campionato in serie B, quest’anno ha tenuto la Poderosa sempre tra le prime del girone, portandola alle semifinali play off dopo una grande serie vinta contro Biella.

MONTEGRANARO – La classifica dei migliori protagonisti della serie A2 si tinge di gialloblù. Non tra gli americani, anche se Corbett un posto forse lo avrebbe meritato, non per gli italiani, e anche qui la stagione di Amoroso non era da sottovalutare, non tra gli Under, anche se l’ultima fase di Maspero è da podio, ma tra i coach. Al terzo posto, infatti, sale Gabriele Ceccarelli. Leggendo gli altri due, Casale e Trieste, Ceccarelli si può definire il primo dei normali, visto che le altre due panchine sono state quelle delle squadre regine dalla prima all’ultima giornata dei due gironi.

Il coach riminese, dopo aver vinto l’anno scorso il campionato in serie B, quest’anno ha tenuto la Poderosa sempre tra le prime del girone, portandola alle semifinali play off dopo una grande serie vinta contro Biella. E lo ha fatto, pensando ai play off, senza il miglior Rivali, che sta in campo per voglia e passione più che per condizione. Merito va anche al suo vice Vanoncini, per molti il migliore della A2.

La Poderosa ha chiuso la stagione con 18 vinte e 12 perse, di queste un paio per distrazione, tre vinte e una persa ai play off, che riprendono domenica a Trieste per Amoroso e compagni. Il podio per Ceccarelli è una medaglia da appendersi al petto e un gradino scalato nello status di coach. È uno dei più giovani in circolazione e già uno dei più vincenti. Che farà il prossimo anno? Le voci son già tante e non deve stupirsi. Perché si abbinano un allenatore ambizioso e capace a una società ambiziosa e seria, che quest’anno sta facendo più di quanto previsto. 

Tornando ai premi, queste le classifiche: miglior italiano è stato Riccardo Cortese (Bondi Ferrara) con una stagione da 17.1 punti, 4.3 rimbalzi e 2.5 assist a gara. L’ala piccola ferrarese, che ha trascinato la sua squadra ai playoff dopo un avvio di stagione in salita, ha totalizzato 162 voti, precedendo Michele Antonutti (De’ Longhi Treviso) con 88 voti e Pierpaolo Marini (Termoforgia Jesi) con 79. Miglior straniero: si resta a Ferrara dove si trova il miglior giocatore straniero: per il secondo anno il più votato è Mike Hall. Con 161 voti, l’ala statunitense, protagonista di una splendida stagione da 16.1 punti, 13 rimbalzi e 3.9 assist per gara, ha preceduto John Brown (De’ Longhi Treviso), secondo con 73, e Javonte Green, terzo con 66. Miglior under 21 Adidas con 176 voti Lorenzo Penna (Andrea Costa Imola Basket) si è aggiudicato il riconoscimento riservato ai giocatori italiani nati nel 1997 e seguenti, da quest’anno targato adidas: per il playmaker classe ’98, che si è aggiudicato anche il premio adidas come miglior Under 21 a dicembre, un bel campionato contrassegnato da 7.7 punti e 3.6 assist a gara. Al secondo posto con 100 voti Andrea Pecchia (Remer Treviglio), seguito da Davide Denegri (Novipiù Casale Monferrato) terzo con 75.

Per trovare il miglior allenatore della regular season 2017/2018 bisogna spostarsi nel girone Ovest, precisamente a Casale Monferrato: si aggiudica il riconoscimento, infatti, Marco Ramondino. Con 163 voti, il tecnico che ha guidato la Novipiù al primo posto nel girone Ovest in stagione regolare con 22 partite vinte e 8 perse ha preceduto Eugenio Dalmasson (Alma Trieste), primo in classifica nel girone Est, con 84 voti ed il coach della neopromossa XL Extralight Montegranaro, Gabriele Ceccarelli, con 71 preferenze.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.