09212018Ven
Last updateGio, 20 Set 2018 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Poderosa, Ceccarelli finalmente sorride: "Ora i giocatori li metto nelle vasche di Goku e li rigenero per Trieste"

ceccaamorosoallena

Le ultime azioni di Amoroso, aggiunge il coach, dimostrano che "la squadra è un gruppo unito e, anche se non si sa come quando e perché, vuole vincere e oggi lo ha dimostrato".

di Chiara Morini

PORTO SAN GIORGIO – “I primi complimenti vanno a Biella, vengono da esperienza e da loro noi vorremmo imparare per diventare lungimiranti”. Coach Gabriel Ceccarelli confessa che per tutta la serie ha dovuto sudare per avere la meglio dei piemontesi. Difficoltà a parte, però, ha vinto la partita: “Volevamo chiuderla, ci meritavamo altre partite, e non solo noi, ma anche i ragazzi e il pubblico, meritano altre partite". Una squadra, matricola, che ha vinto gara 1 fuori casa, ma che ha dimostrato che se cerca l'obiettivo e il passaggio in più non ce n’è per nessuno.

“Abbiamo vinto con la difesa” commenta Ceccarelli. Ma poi dopo il black out del terzo quarto, il coach i suoi li ha guardati negli occhi e insieme si son detti "non può finire così". No, non poteva finire così. Per i giocatori, per il coach, per il pubblico, per tutti. E allora si doveva correre per terminare la serie, e per evitare di dover andare nuovamente in trasferta per passare il turno. E così è stato.

Zucca non sta bene e non è entrato. Nikolic non ha giocato, e di questo Ceccarelli è dispiaciuto: "Sono scelte, la prossima serie sarà importante per lui, ma oggi non l'ho potuto mandare in campo". Campogrande? Vero che dopo 5 triple su 5 di venerdì non ha segnato, però il coach lo ringrazia: "Ha giocato come l'altra sera in gara 3, ma a volte la palla non entra". Le ultime azioni di Amoroso, aggiunge il coach, dimostrano che "la squadra è un gruppo unito e, anche se non si sa come quando e perché, vuole vincere e oggi lo ha dimostrato".

A riposo ora? “Magari si potessero riposare nelle vasche rigenerative di Goku in Dragon Ball, ma non è possibile e allora ci guarderemo negli occhi e ci divertiremo". Dall'altra parte, anche se non lo dice espressamente, coach Carrea mostra amarezza, come è ovvio, per la conclusione della serie. "Avremo voluto durasse di più questo campionato". Perché ha perso è semplice dirlo: “Quando una squadra, come questa, gioca il basket che vorremmo solo quando ha l'inerzia dalla sua, è chiaro che questo è un limite tecnico. La responsabilità è del tecnico, e me la prendo all'80%. In questa serie abbiamo provato a gestire il gap tecnico con Montegranaro usando la tattica, ma non siamo riusciti a farlo". I suoi complimenti, vanno in particolare a Uglietti e al sangiorgese argentino Chiarastella, per come hanno giocato la serie, e al pubblico.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.