05212018Lun
Last updateLun, 21 Mag 2018 9am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Play off. Altro che petaloso, nel dizionario entra Amoroso: il capitano porta la Poderosa ai quarti

amorosobiella

I gialloblù piazzano un break di 21 a 1. Incredibile ma vero, perché il canestro sembra improvvisamente enorme.

di Raffaele Vitali

PORTO SAN GIORGIO – Tre palleggi, penetra, passo indietro, continuano i palleggi, step back e tripla in faccia all’avversario. Corbett? No, questo è Valerio Amoroso e la sua bomba vale il 68-56 a poco più di cinque minuti dalla fine della partita. Il capitano è incontenibile e la Poderosa (75-62 il finale su Biella) stacca il biglietto per Trieste: quarti play off.

Il basket è uno sport meraviglioso, perché in pochi munti la storia cambia. Biella era scappata via sul 42-53. Non riusciva più nulla agli uomini di coach Ceccarelli ma basta un lampo, tripla di Amoroso, e l’inerzia cambia completamente. Non è un caso che in campo ci sia Rivali, usato con il contagocce da coach Ceccarelli. Il play dà serenità al quintetto, rallentando i ritmi garibaldini in cui maestro è Maspero.

I gialloblù piazzano un break di 21 a 1. Incredibile ma vero, perché il canestro sembra improvvisamente enorme. Segna Amoroso, schiaccia Powell, ma soprattutto diventa protagonista Treier con un rimbalzo trasformato in due punti e una tripla dall’angolo costruita alla perfezione.

Adrenalina allo stato puro dentro un PalaSavelli agghindato a festa con i colori giallo e blu che riempiono la curva e un artista impegnato a realizzare ritratti su carta ‘intestata’ a ricordo di un giorno storico. Perché andarsi a giocare la semifinale play off contro la regina della stagione è il giusto percorso per una squadra che vale bene più del quinto posto che l’ha costretta a sfidare Biella.

È dura a morire questa Poderosa e se non la schiacci, poi ti azzanna. Lo ha fatto con i rimbalzi di Campogrande, che nel giorno della mano fredda ha preso otto rimbalzi, lo ha fatto con la determinazione di Corbett che non ha forzato e ha colpito quando serviva, facendo saltare i piani difensivi di Carrea.

Non c’è un eroe nella Poderosa, anche se la prestazione di Amoroso, 25 punti e sette rimbalzi, è stata qualcosa di incredibile anche a livello di intelligenza tattica, vedi i miss match che ha saputo sfruttare, anche grazie ai passaggi puntuali di un sempre più maturo Lorenzo Maspero.

Una grande vittoria per una grande squadra, splendido l’abbraccio finale con i fratelli Bigioni che corono in campo e si stringono al gruppo, che ora ha una settimana di tempo per ricaricare le pile e recuperare qualche acciacco. Una squadra che sa anche che coach Ceccarelli ha carta bianca e quindi si può anche restare seduti in panchina, Zucca e Nikolic, se serve una rotazione più corta per tenere alto il ritmo. Se non fosse chiaro, ci sono almeno altre tre partite da guardare: due a Trieste e una a Porto San Giorgio, poi, se la serie si allungherà…Del resto sognare con questa squadra è possibile.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.