07222018Dom
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Play off. Poderosa, niente miracolo. Biella reagisce e impatta. Venerdì tutti al PalaSavelli

ceccatimeout

Alla fine Rivali il suo piede infortunato in campo ce lo mette, ma per pochi minuti. Non ce la fa il leader della squadra e quindi sta a Maspero fare gli straordinari.

BIELLA – Cinque minuti di black out e la partita cambia padrone (al 20’ era 47-49). Biella non ha avuto cali e dopo venticinque minuti giocati punto a punto contro la Poderosa, ha piazzato il break decisivo nel terzo periodo. Un devastante 13-1 in cui i pimontesi non hanno fatto nulla di speciale, approfittando degli errori in serie dei verdi di coach Ceccarelli (75-63).

Ma il basket è strano. Chi sembra avere già vinto, spesso si ferma. Ma per la Poderosa l’inizio dell’ultimo quarto è solo una illusione che dà fiducia in vista di gara tre venerdì al PalaSavelli. Alla fine Rivali il suo piede infortunato in campo ce lo mette, ma per pochi minuti. Non ce la fa il leader della squadra e quindi sta a Maspero fare gli straordinari.

Il ventenne ci prova, solo che se dopo trenta minuti capitan Valerio Amoroso tira una sola volta, sbagliando pure, è difficile espugnare il palasport di Tessitori. Il lungo ha dominato, facendo giocare a Powell solo 18 minuti, quelli in cui ha commesso 5 falli.

I miracoli riescono una sola volta nei play off. La consapevolezza della Poderosa resta la capacità di reagire ai momenti più complicati. Il punto è che se subisci 28 punti in un quarto o fai sempre canestro, come accaduto nella prima metà di partita, o sei destinato a essere seppellito.

Due giorni di terapie a casa potrebbero dare più minuti a Rivali. È difficile giocare senza il play, perché la squadra senza il pesarese corre, alza tutti i ritmi e questo non permette, ad esempio, ad Amoroso di recuperare e prendere posizione. Senza i punti del capitano, con Gueye impreciso, Nikolic impalpabile e Campogrande che dura due quarti, pensare di espugnare di nuovo il parquet di Ferguson era un sogno.

Ceccarelli ha provato a cambiare spesso quintetti, dando fiducia ai suoi giovani. Ma solo Treier ha risposto presente, provando a risvegliare i compagni con una palla recuperata tramutata in schiacciata a inizio quarto periodo che vale il -10 dopo il pesantissimo75-61 che aveva firmato Tessitori.

Gli ultimi cinque minuti la Poderosa Xl Extralight neppure li avrebbe voluti giocare, perché hanno solo succhiato un altro po’ di energie al gruppo. A dire il vero Corbett, che nella velocità ci sguazza, tiene in partita i veregrensi (81-73). Solo che se Tessitori segna più punti dei minuti che gioca, prendendo anche 9 rimbalzi e subendo 9 falli, con 16 tiri liberi guadagnati, vincere contro il rinnovato coach Carrea diventa difficile

La fotografia del match: la tripla di Amoroso, dopo una palla recuperata, a due minuti dalla fine che finisce sul ferro. Sarebbe stato il -5. Illusione. La realtà è che dopo due partite Biella e Poderosa sono sull’1 a 1 (86-79 il finale). Appuntamento venerdì e domenica al PalaSavelli che si spera di rivedere pieno, come ai tempi d’oro dei play off Sutor, quando tutte le squadre temevano il parquet del palazzo sangiorgese.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.