07222018Dom
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

La Poderosa è più forte di tutto: vittoria di squadra a Biella con un super Maspero

biellapode

La Poderosa ha giocato venti minuti perfetti, segnando 43 punti, con ottime percentuali e soprattutto limitando i giocatori di Biella.

BIELLA – I miracoli accadono quando indossi una maglia verde speranza, scende in campo un giocatore coni legamenti della caviglia rotti, hai un ventenne che gioca come se avesse 40 anni e soprattutto un americano nato solo per caso in Campania che si chiama Amoroso. Vince a Biella la Poderosa Montegranaro (70-73), espugna il palasport di una grande e cambia il fattore campo. Perché ora i piemontesi dovranno vincere martedì per non arrivare venerdì a Porto San Giorgio con un piede nella fossa.

Incredibile la partita dei gialloblù che hanno giocato gli ultimi 14’ senza Powell, uscito per 5 falli. Un po’ per colpa sua, u po’ perché l’arbitro gli ha fischiato un blocco irregolare che ha vinto solo lui. Ma questo ha causato i compagni. A cominciare da Dario Zucca. perché il lungo è stato perfetto. Ha stoppato, difendendo la sua area, ha rubato palloni, ha schiacciato a due mani in contropiede e anche quando ha sbagliato il tiro dalla media ha preso applausi perché era giusto essere protagonista.

La Poderosa ha giocato venti minuti perfetti, segnando 43 punti, con ottime percentuali e soprattutto limitando i giocatori di Biella. Poi, il black out nel terzo periodo dove i gialloblù hanno realizzato solo 7 punti. Biella ha rimesso il naso avanti, approfittando del momento di sbandamento dopo il quinto fallo di Powell, e del risveglio improvviso di Bowers (53-50): ma è qui che è venuta fuori l’anima veregrense della squadra.

La tigna di Gueye, che non ha forzato e ha colpito quando necessario, la classe di Corbett, fuori partita per tre periodi e poi capace di rispondere alle giocate da campione di Ferguson. Il -7, 59-52, avrebbe fatto crollare chiunque, visto che i verdi, nuovi colori in onore del main sponsor XlExtralight, erano senza Powell e Rivali, per non parlare di un Campogrande a mezzo servizio.

Invece, la Poderosa si è compattata attorno alle mani solide del suo capitano, lasciando a Maspero la possibilità di segnare e sbagliare, anche perché a lui non c’era alternativa. Ma la sfrontatezza del ventenne play è forse stata la scossa in più anche per i compagni. Poi è chiaro che bisogna fare canestro. E prima Corbett, cinque punti in fila, tripla del pareggio e due liberi, poi Amoroso in lunetta a sette secondi dalla fine, hanno spiegato a tutta Biella come si vincono le partite.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.