04192018Gio
Last updateGio, 19 Apr 2018 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Poderosa, Maspero scalda i motori. Caviglia gonfia, slittano gli esami su Rivali

masperopode

La Poderosa potrebbe anche tornare sul mercato, nel caso di un infortunio che mettesse ko uno dei migliori play della A2 anche per i play off. Ma avrebbe senso? Praticamente nessuno. Perché l’obiettivo non è vincere il campionato.

MONTEGRANARO – Quando in mezzo a un campo da basket si gira una caviglia, non te la puoi prendere con nessuno. Non c’è l’avversario che ti ha spinto, il fallo eccessivo, il compagno arrivato tardi, ma solo sfortuna. Il problema è che la caviglia è alla base di ogni movimento nella pallacanestro, ancora di più per chi, come Eugenio Rivali, play della Poderosa Basket, gioca sul timing del passaggio, su quel mezzo passo in più o in meno che modifica la direzione del pallone.

Oggi, ma potrebbe anche slittare a domani, Rivali verrà visitato. Esami e poi il verdetto. La caviglia ieri si è gonfiata, ma questo è normale. Ed è il motivo per cui l’esame potrebbe anche essere rinviato di 24 ore. Una cosa è certa, salvo miracoli domenica non giocherà.

La Poderosa potrebbe anche tornare sul mercato, nel caso di un infortunio che mettesse ko uno dei migliori play della A2 anche per i play off. Ma avrebbe senso? Praticamente nessuno. Perché l’obiettivo non è vincere il campionato e prendersi quell’unico posto che porta in paradiso, ovvero in A1. Ci sono squadre più attrezzate, con un roster più lungo ed extra budget, perché a quintetto la squadra di coach Gabriele Ceccarelli non è inferiore a nessuna.

E quindi, in campo con Lorenzo Maspero in posizione di play. Prova da grande, già da domenica a Trieste, per il giocatore che con l’under 20 ha dimostrato di poter stare in campo 30’ senza problemi, ma che in A2 spesso è entrato per cambiare ritmo, per dare verve offensiva più che playmalking. Del resto, Ceccarelli lo ha ripetuto spesso: “Bravo Maspero, ci ha dato la scossa e ha guidato il break, poi però la palla la metto in congelatore con Rivali”.

La differenza principale, oltre che anagrafica, è proprio questa: Rivali è un costruttore di gioco, Maspero è una comboguard. Così verrebbe definita se fosse nato a Los Angeles. Ma è anche un ragazzo che ama l’assist. Magari ogni tanto esagera anche nelal ricerca del passaggio a effetto, ma sapendo di poterselo permettere, perché dietro c’è stato sempre Rivali.

Vent’anni e una grande chance, visto che il debutto da titolare lo avrà contro la prima della classifica: Trieste domenica al PalaSavelli. Ci arriva con numeri da protagonista: sta tirando con il 53% da due e il 43% da tre punti, che è poi la specialità della casa. La faccia tosta non gli manca e di certo, se dovrà guardarlo dalla panchina, sa che girandosi una parola e un consiglio da Rivali gli arriverà in un secondo, come se fosse uno dei quattro assist che normalmente il pesarese regala ai compagni.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.