02212018Mer
Last updateMar, 20 Feb 2018 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Too big questa Treviso: la Poderosa è stanca e alla fine segna anche Barbante

corbettkotreviso

Pillastrini l’impronta al match l’ha data nel primo quarto, non tanto per i 28 punti segnati, quanto per aver dimostrato a Ceccarelli che era in grado di cancellare dal campo il suo regista rivali. Gli ha piazzato sopra Sabatini che ha messo la maschera del mastino e ha sporcato ogni passaggio del play.

di Raffaele Vitali

PORTO SAN GIORGIO – Strapotere fisico. Non c’è molto altro da dire. La ‘nuova’ Treviso di coach Stefano Pillastrini, applaudito alla presentazione, è un caterpillar. E se ne accorgeranno anche le altre big del campionato. Settimana vittoria consecutiva per i veneti, seconda pesante sconfitta per i gialloblù. A fine terzo quarto il tabellone è impietoso: 54-76.

Non è quesitone di difesa molle o di scelte sbagliate, anche se le forzature non sono mancate, il punto è che ogni esterno di Treviso è fisicamente più prestante di quelli di coach Ceccarelli. E quando accade questo, il sistema difensivo di una squadra salta in pochi secondi. Finta e palleggio, penetrazione e scarico, sta di fatto che Fantinelli, Swann, Antonutti, Negri e anche Imbrò hanno fatto quello che volevano costringendo poi i lunghi a chiudere la penetrazione lasciando l’area sguarnita. Si spiegano così le percentuali da sogno dei primi 30’ di Treviso: 65% da due e, perché se in area c’è il vuoto i giocatori hanno anche il tempo di scaricare fuori con precisione, 56% da tre punti.

Bravi loro, niente da dire. Ma se Verona fa sempre canestro e poi anche Treviso, qualcosa che on funziona c’è. E sono le gambe, come ben sa Ceccarelli che ha spremuto i suoi per mettere in cascina i punti necessari a chiudere il discorso salvezza e poter far così sognare il popolo gialloblù. Sempre un secondo di ritardo in difesa, sempre un po’ rigide in attacco e così si spiegano i tanti ferri scheggiati. L’unico che ha saputo trovare alternative al proprio gioco, in fine dei conti, è stato Corbett, che da qualche giornata è in difficoltà dalla linea dei tre punti, e allora corre appena può con la palla in ano e penetra. Antonutti, che al PalaSavelli ha regalato tante gioie, è implacabile, ma chi scava il break è Bernardo Musso, uno che ti si attacca come un guanto in difesa, ma che se in fiducia ha una gran mano.

Pillastrini l’impronta al match l’ha data nel primo quarto, non tanto per i 28 punti segnati, quanto per aver dimostrato a Ceccarelli che era in grado di cancellare dal campo il suo regista rivali. Gli ha piazzato sopra Sabatini che ha messo la maschera del mastino e ha sporcato ogni passaggio del play da cui nasce il bel gioco gialloblù che scatena gli aplausi del pubblico, tornato protagonista.

L’assenza di ritmo offensivo ha tolto certezze e la difesa, di conseguenza, si è allentata. Sta subendo troppo la Poderosa. Ciche però, lo ha dimostrato in due flash, ha la capacità e la forza di alzare le braccia e chiudere le linee di tiro (46-51). Certo, poi non può nulla se poi Swann, il nuovo americano, segna da sette metri marcato, ma molto potrebbe su Sabatini che segna la tripla che ricarica lee pile ai trevigiani.

È lunga Treviso, è grossa, è talentuosa: segna anche l’ex Poderosa Barbante da tre punti appena si alza dalla panchina. Candidata alla finale play off? Facile dirlo oggi, anche perché il gioco può solo crescere visto che Lombardi e Swann sono arrivati da poche settimane. E la Poderosa? Sta bene lassù e ci sta con merito, ma sta emergendo la differenza di roster dalle prima della classe. Lo si sapeva, come si sapeva che non avrebbe mai potuto tenere gli stessi ritmi per tutta la stagione. Serve pazienza, serve consapevolezza e serve vincere a Forlì, il derby in casa con Jesi e poi con Orzinuovi per blindare il posto tra le prime otto prima della sosta e del terribile filotto contro chi sogna di andare in serie A.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.