02212018Mer
Last updateMar, 20 Feb 2018 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Un super mercoledì al PalaSavelli: la Poderosa si misura con la rinforzata Treviso

corbettferro

All'andata fu una vittoria di squadra e mai come contro Treviso serve che ognuno metta un mattoncino, perché il roster di Pillastrini è nato per stare in alto, dove oggi sta, con pieno merito, la Poderosa.

TREVISO – È davanti agli occhi di tutti la grande vittoria dell’andata, quando la Poderosa, la piccola matricola, uscì vincente dal glorioso PalaVerde. Fu la vittoria del gruppo, la prima di una lunga serie, frutto di settimane di allenamenti intensi, di una energia positiva, di una voglia di stupire sapendo di essere forti. Fu la partita del 18 su 36 da tre punti e come ha insegnato Verona quando tiri così bene nessun’avversario può reggere l’urto. All’andata fu una gara a due facce: dominio gialloblù, rientro trevigiano e tripla di Campogrande che chiude i conti. Ma all’andata Treviso non aveva due pedine chiave: play e ala.

Quella che arriva al PalaSavelli è una compagine completamente diversa, non solo perché sono rientrati Antonutti e Fantinelli, ma perché coach Pillastrini può contare su due novità: l’americano Swann e l’ex Pistoia Lombardi. A questo si aggiunge il rullino di marca: sei vittorie consecutive e settimo posto in classifica, dopo mesi passati lontana da play off. Sei vittorie, è vero, ma non può essere questo che spaventa la Poderosa, perché Pilla ha affrontato tutte squadre di bassa fascia e nessuna, negli ultimi due mesi, che ambisce alle prime otto posizioni. Ecco che la sfida con la Poderosa per i veneti assume un sapore particolare, quello della prova di forza.

I gialloblù ci arrivano dopo lo schiaffo preso a Verona, dopo il negativo è arrivato dal punteggio ma non dal gioco, come ha ribadito con forza Gabriele Ceccarelli dopo la partita. In più, la Poderosa ritrova Powell, che a Treviso venne accolto come un eroe. Come lunghissimo fu l’applauso per Corbett, che inizialmente ha accusato l’emozione, sporcando le sue percentuali, prima di ritrovarsi. Fu una vittoria di squadra e mai come contro Treviso serve che ognuno metta un mattoncino, perché il roster di Pillastrini è nato per stare in alto, dove oggi sta, con pieno merito, la Poderosa. Si gioca alle 2030 di un insolito mercoledì sera. Non c’è Sanremo che tenga, il grande basket e il divertimento hanno una sola casa: il PalaSavelli. 

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.