02212018Mer
Last updateMar, 20 Feb 2018 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Poderosa, lo schiaffo di Verona non fa male. Ceccarelli: "Abbiamo giocato benissimo, ci rifaremo con Treviso"

ceccarelli primacampionato

Pillastrini, coach di Treviso, è avvisato: la Poderosa il -25 lo ha già trasformato in energia positiva che diventerà spettacolo mercoledì sera dentro al PalaSavelli che i tifosi torneranno a riempire, vista la grande posta in palio: mantenere uno dei primi quattro posti in classifica.

Perdere di 25 ed essere soddisfatto. Capita se ti chiami Gabriele Ceccarelli e alleni la neo promossa più temuta della A2, la Poderosa XL Extralight Montegranaro. “È la prima partita che giochiamo per 40’ con una qualità così alta. Tiri puliti, circolazione perfetta. Se avessimo tirato con le solite percentuali, racconteremmo altro”. Coach Gabriele Ceccarelli si complimenta con i suoi giocatori, usciti sconfitti dal glorioso palasport di Verona 96 a 71. “Loro hanno tirato con il 62% da tre, qualcosa di immaginifico. E almeno la metà sono state incredibili situazioni individuali. Ma non riesco a imputare qualcosa alla mia difesa che ha subito 96 punti. Oggi qualcun altro ne avrebbe presi 50 tirando come noi”.

La sconfitta è già il passato: “Abbiamo una grande rabbia dentro, dopo aver giocato senza il 5 americano e con percentuali da tre catastrofiche. Siamo già pronti a pensare a mercoledì, alla sfida con la corazzata Treviso”. Dovrà recuperare le gambe, più che la testa di Rivali e compagni: “La squadra è carica, ma in questo periodo abbiamo accusato un down fisico”. Anche per questo il coach ha una motivazione: “Siamo una neopromossa e come tale dovevamo fare subito i punti salvezza. E lo abbiamo fatto”. E quando uno è stanco può qualche volta alzare le ginocchia e lasciare magari mezzo metro a un giocatore che se on fire, come Amato a Verona, ti castiga e crea il buco insormontabile. Basta pensare che al 20’ la Poderosa era sul più uno (39-40) e al 30’ era a meno 11 (65-54).

“Ma non posso chiedere niente di più, basta che continuiamo a passarci la palla. Poi è chiaro che giocare senza Powell è nu problema. Ma non è un alibi, perché Zucca ha fatto una gara sostanziosa e Treier, emozionato, ha sbagliato tiri che di solito mette perché ha avuto il suo primo quintetto in A2. A me basta che continuino a divertirsi e che non mollino, perché affronteremo squadre che ambiscono ai play off. Mollare sarebbe un peccato, perché si sono meritati il terzo posto e tutti i complimenti che arrivano”. Insomma, il ko di Verona è davvero già alle spalle come il 10/35 da tre punti e lo 0/9 di Corbett, come il terzo quarto da 26 punti subiti che ha deciso il match.

Pillastrini, coach di Treviso, è avvisato: la Poderosa il -25 lo ha già trasformato in energia positiva che diventerà spettacolo mercoledì sera dentro al PalaSavelli che i tifosi torneranno a riempire, vista la grande posta in palio: mantenere uno dei primi quattro posti in classifica.

r.vit

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.