05242018Gio
Last updateGio, 24 Mag 2018 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Il Giudice sportivo castiga Powell: due giornate di squalifica per il centro della Poderosa

powellschiaccia

Se la Poderosa farà ricorso, può sperare nello sconto a una giornata, ma avendo Powell già trasformato una squalifica in multa durante la stagione, dopo la sfida con Bergamo, dovrà per forza restare in tribuna contro Verona.

MONTEGRANARO – Mano pesante del giudice sportivo su Marshawan Powell. Il giocatore della Poderosa Xl Extralight è stato squalificato per due giornate. La motivazione è semplice e fotografa quanto successo alla fine della partita contro Piacenza, quando mentre i compagni stavano andando verso il centro del campo per festeggiare, Powell ha preso la via degli spogliatoi. “Al termine della gara, attendeva gli altri giocatori nel tunnel di accesso agli spogliatoi e rivolgeva frasi offensive nei confronti di un tesserato avversario (Guyton), fatto che non degenerava per l'intervento degli altri giocatori presenti” scrive il giudice.

Ed è proprio così, perché nel giro di pochi secondi tutti compagni sono corsi sotto il tunnel, prima di tornare in campo per il giro d’onore con i tifosi. Ma non sono arrivati in tempo, visto che Powell non si è poi calmato. Il giudice nelle sue motivazioni scrive infatti che “conclusa la predetta situazione rivolgeva frasi irriguardose nei confronti del 2°arbitro”. Se la Poderosa farà ricorso, può sperare nello sconto a una giornata, ma avendo Powell già trasformato una squalifica in multa durante la stagione, dopo la sfida con Bergamo, dovrà per forza restare in tribuna contro Verona. E sperare di essere in campo nel turno infrasettimanale contro Treviso. Spazio quindi a Zucca e Treier, che dovranno confermare quanto di buono fatto vedere domenica al fianco di capitan Amoroso.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.