04222018Dom
Last updateSab, 21 Apr 2018 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Poderosa, la gioia di Ceccarelli: "Finiamo il 2017 come lo avevamo iniziato: vincendo"

ceccapaglia

Ma Ceccarelli mantiene i piedi per terra, i suoi e quelli della squadra: “Se finora siamo arrivati qui è perché abbiamo pensato alla singola partita, e dunque, il primo proposito sarà proprio una bella vittoria proprio contro Trieste”.

di Chiara Morini

PORTO SAN GIORGIO - “Chiudiamo l’anno come lo avevamo iniziato: vincendo. A gennaio eravamo a Monteroni, in serie B, oggi sfidiamo una squadra che ambisce sempre a un posto play off in serie A”. Parole di coach Gabriele Ceccarelli, onestamente stupito per le 10 vittorie dopo 14 gare. La chiave, per questa Poderosa, e non è una novità, è la difesa. “Quando difendiamo come oggi non ce n’è per nessuno”. Sarà dura andare a vincere altre 10 partite nella seconda parte del campionato, “ma la Poderosa non ha nulla da perdere. Soprattutto a Trieste, campo difficile, squadra ferita: noi faremo il nostro gioco”. Intanto però l’Andrea Costa Imola è stata sconfitta e quindi si può ancora sognare per la Final Eight. Un risultato, o meglio un traguardo, che la squadra meriterebbe e nemmeno poco, “visto l’impegno dei ragazzi” prosegue il coach.

Ma Ceccarelli mantiene i piedi per terra, i suoi e quelli della squadra: “Se finora siamo arrivati qui è perché abbiamo pensato alla singola partita, e dunque, il primo proposito sarà proprio una bella vittoria proprio contro Trieste”. E dopo la salvezza, e dopo le Final Eight, si comincia a sognare, sul serio. Montegranaro è in alto a 20 punti e dietro ce ne sono tante altre. “Dovremo lottare, ovvio sempre partita dopo partita, per conquistare un posto tra le 8 dei play off”. Ambizioni ma allo stesso tempo concretezza.

Dall’altro punto di vista, quello di Demis Cavina, coach di Imola, la partita è andata male per la “difesa insufficiente nel primo tempo e la qualità dei lunghi avversari che ci hanno punito in più di una occasione”. Imola ha perso, per queste ragioni, ma coach Cavina ha anche parole di conforto per i suoi ragazzi: “Abbiamo fatto un ottimo secondo tempo, ma non siamo riusciti ad arginare Amoroso e compagni”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.