01232018Mar
Last updateLun, 22 Gen 2018 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Le pagelle di Poderosa-Imola. Amoroso da 9, per Treier minuti di qualità

AMOROSOMAGGIOLI

La Poderosa chiude il 2017 con una grande vittoria contro Imola. 79-70 il finale di un match dominato per venti minuti. LA CRONACA

RIVALI 7. Che fatica. Penna è la sua ombra. Gli sta davanti, dietro, di fianco e non per rispetto, ma con il solo obiettivo di mandarlo fuori giri. Perde un paio di palloni, ma è come una calamita, non c’è azione che non passi per le sue mani. Sette assist, ma anche zero tiri: può e deve essere più protagonista in attacco.

Campogrande 6,5. Senza infamia e senza lode. Soffre la sfida con Alviti, che dimostra di essere già un giocatore protagonista in serie A. Mette due canestri in momenti difficili, ma poi si perde in attacco nel ritmo alto che non gli permette di ricevere palla piedi a terra.

Maspero 6. Tanta fatica per il cambio di rivali. Penna, ex Virtus, lo sovrasta e lui nelal sfida finisce per forzare da fuori. Il canestro in entrata è di alta qualità, Maggioli ancora pensa alla sua finta. Ama l’assist, ne mette a referto 4, ma rispetto a rivali deve capire quando sono possibili e quando diventano palle perse, 4 anche quelle alla fine.

Treier 7. Come i minuti che sta in campo. Ceccarelli è chiaro: per i giovani la fiducia va e viene. Lui la dà, ma poi chi sta in campo se la deve meritare. Altrimenti si torna in panchina. E così l’applauso per un grande canestro e una buona difesa non giustifica lo 0 a rimbalzo.

Zucca 6,5. Non facile per lui, che entra in partita dopo Treier e sapendo, leggendo l’intervista al coach sul giornalino della società al palas, che è il giocatore che fa più arrabbiare Ceccarelli.. Psicologicamente deve crescere, come riprova una palla persa in difesa quando anziché aprire per Rivali dopo un rimbalzo regala due punti a Imola. E dire che le lunghe leve quando vuole in difesa le fa valere eccome.

Corbett 7,5. Da lui ci si aspetta sempre di più. Ma se c’è da giocare un pallone pesante è sempre il primo a mettere le mani in posizione per ricevere il pallone. Certo, la schiacciata sbagliata è da guinness dei primati, ma i due contropiedi a velocità supersonica valgono come sempre il prezzo del biglietto.

Amoroso 9. Alzi la mano chi si ricorda una partita del capitano gialloblù di così alto livello. Dice bene il coach: non è tanto per i 28 punti, ma per quando li ha fatti. Con la squadra in difficoltà lui ha inventato tre canestri consecutivi, ognuno diverso dall’altro. Ha fame di vittorie e questo fa bene sperare anche per il 7 gennaio, lui a Trieste non andrà in vacanza. Ah, ha preso anche 12 rimbalzi e dato 4 assist.

Powell 7,5. Partita di sostanza più che di immagine. In difesa va a corrente alternata, ma se c’è un rimbalzo da prendere è il primo che salta. In attacco si prende lunghe pause, ritrovando verve nei giochi a due con Corbett e Amoroso.

Gueye 7. Bene in attacco, ben in difesa. Fa quello che il coach gli ha chiesto. Cambiare ritmo e portare grinta. La tripla dall’angolo nel quarto periodo è da tiratore puro.

IMOLA Bell 5, Alviti 7, Maggioli 6, Wilson 6,5, Gasparin 6, Toffali 5,5, Penna 7,5.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.