12112017Lun
Last updateLun, 11 Dic 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Poderosa a Bergamo per scacciare i pensieri del ko. Rivali e Ceccarelli pronti al riscatto

ceccarellipoderosa

A questo si aggiunge la questione Powell: “Regaliamo tanti minuti alle squadre senza l’americano titolare. Dobbiamo lavorarci, 22minuti in campo con Powell non va bene”.

PORTO SAN GIORGIO - “Non capisco perché non venga fischiato fallo sull’ultima azione”. “Non capisco come una squadra che tira da tre punti 43 volte, tiri poi più tiri liberi di noi”. “Non capisco perché non sono riuscito a farmi capire quando per due volte abbiamo preso vantaggio e poi non abbiamo speso falli”.

Perle dello sfogo post sconfitta di un punto di coach Gabriel Ceccarelli. Che nel giro di poche ore a quel ‘non capisco’ ha fatto seguire un ‘ho le idee chiare’ su come riprendere la corsa. Del resto domani affronterà Bergamo, la squadra ideale per riprendersi dopo un ko amaro. Ha perso di uno la Poderosa, ma nonostante ciò è rimasta salda al secondo posto con la possibilità, vincendo domani, di tenersi il posto d’onore in solitaria senza la Fortitudo sconfitta a Treviso.

La gara con Mantova ha lasciato delle scorie, ma anche spunti su cui lavorare. Come quello sulla difesa al pick&roll: “Sapevamo che potevamo rischiare sul pick and pop di Candussi e Bobby Jones, non ci aspettavamo tanti tiri di Cucci. Alla fine bravi loro, da qualche parte noi dovevamo concedere” spiega Eugenio Rivali.

A questo si aggiunge la questione Powell: “Regaliamo tanti minuti alle squadre senza l’americano titolare. Dobbiamo lavorarci, 22minuti in campo con Powell non va bene”. Che poi Mantova abbia saputo rimanere lucida nei momenti chiave è un dato inconfutabile. “Diamogli il merito, ha risposto colpo su colpo a ogni tentativo di fuga. Hanno fatto canestri difficili in momenti chiave. Poi quando arrivi punto a punto gli episodi pesano” prosegue Rivali. E se davanti hai giocatori tutti fisicamente più grossi pesano ancora di più. Anche perché uno dei punti di forza della Poderosa, quello die piccoli, spesso non può esprimersi in maniera totale: “Difficile riuscire a giocare io, Maspero e Corbett” ammette il play che pi rilancia: Può essere una soluzione, per pochi minuti. Ma non l’abbiamo mai provata, anche perché non ci era mai servito neppure pensarla”.

E non dovrebbe servire mercoledì sera alle 21 a Bergamo, quando la Poderosa si ritroverà Bergamo che un anno fa le ha regalato solo gioie: vittoria in Coppa Italia e vittoria alle Final Four promozione.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.