11182017Sab
Last updateSab, 18 Nov 2017 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Abbracci, schiacciate, sorrisi e canestri: Poderosa fa festa con Montegranaro

pode4
pode5
pode3
pode2
pode1

Il primo presidente: “Siamo tutti figli della Sutor, la Poderosa unisce e di certo non esclude. Per cui la passione per il basket oggi è Poderosa”. (foto)

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – “Forza Poderosa, sono certo che Montegranaro tiferà per te”. “Tutti insieme abbiamo creato una storia bellissima, partendo nel 1993 con un gruppo di amici e oggi siamo in A2 con una parte dei fondatori che fa parte dello staff”. Le parole del sindaco Mancini, seguite da quelle di Ronny Bigioni danno il via al Poderosa Day. Una festa multicolore, davanti alla telecamera di SerieA2Italia, in cui 50 giocatori che hanno portato sulla canotta il nome Poderosa, canotte gialloblù, rosse e arancioni, si fondono con i dieci che a ottobre difenderanno la A conquistata.

Una festa, un modo per dire a tutti che la Poderosa è una grande famiglia. E che lo è anche per chi, fino a pochi anni fa, tifava Sutor. Lo ribadiscono tutti quelli che si passano il microfono a cominciare dal primo presidente, Ermanno Vitali, che viene premiato con una targa assieme ai ‘fondatori’ Graziano Morlacco, Roberto Contigiani, Marco Del Gatto e Stefano Medori.

A Vitali il compito di raccontare la prima partita, “la grande vittoria a Porto San Giorgio”. Ma anche il compito più difficile, rompere il ghiaccio e coinvolgere emotivamente i tifosi sugli spalti: “Dopo 24 anni è una grande emozione sapere che la Poderosa è diventata la prima squadra cittadina e una società prestigiosa del panorama nazionale. Per i sobri, 24 anni fa, era qualcosa di inimmaginabile. Un tratto ha caratterizzato la nascita di questa squadra: la voglia di stare insieme e la goliardia. Se siamo qui è perché ognuno ha portato un mattoncino poi reso palazzo dai Bigioni che proseguono nell’entusiasmo e nella voglia di appartenenza a Montegranaro”. La chiusura del primo presidente è per chi dice “non riusciamo a dimenticare la Sutor”. Non lo accetta: “Siamo tutti figli della Sutor, la Poderosa unisce e di certo non esclude. Per cui la passione per il basket oggi è Poderosa”.

Tanti i volti, noti e meno, e tra tutti ne spicca uno: la ‘stella’ fuori dal campo: Francesco Di Rosa. È appena atterrato da Teheran il grande oboista, non voleva mancare: “Ho fatto della gran panchina, ma ero sempre presente. Ho giocato una partita a Porto Sant’Elpidio, quando mezza squadra era fuori per falli. Ma ero parte della squadra e oggi mi sento parte della serie A e spero che tutti i sutorini e montegranaresi partecipino con calore e sostengano la squadra a Porto San Giorgio”. Il regalo del primo oboe della scala Di Rosa sarà quello di suonare l’inno durante una delle gare di campionato in casa.

Che questa squadra sarebbe arrivata in alto era scritto nel destino, fatto di campionati vinti in successione, dalla promozione con Dino Pizzuti alla D con Giuseppe Rinaldetti. Una escalation che è diventata stabilità in serie B prima del campionato dominato e vinto a giugno.

Risponde Montegranaro, duecento persone sulle tribune del campo dei Tigli per un lungo applauso che diventa spettacolo quando le canotte, tra i 50 ex, la indossano Corbett e Amoroso, Rivali e Powell, Gueye e Zucca. Partita esibizione, ma come si conviene a un americano, Powell tocca palla e schiaccia. Spettacolo, ma quello vero lo offre Francesco Intendente, pivot di peso degli anni d’oro, oggi addetto agli arbitri e colonna della Poderosa della famiglia Bigioni. Quando entra in campo si alza il primo boato che diventa estasi quando a 28’’ dalla fine del tempo prende palla, chiama lo schema testa e supera la metà campo. Mentre la difesa segue i compagni che corrono, con tutta calma ‘Frank’ si arresta sulla linea da tre punti e tira: cioff. “Incredibile” urla lo speaker Mauro Foresi. Scatta l’invasione, l’abbraccio, l’urlo di gruppo: il Poderosa Day ha il suo eroe in attesa che Rivali e company scaldino le tribune in campionato.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.