07272017Gio
Last updateGio, 27 Lug 2017 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
×

Messaggio

Failed loading XML...

"Tutti insieme al PalaSavelli". La serie A2 della Poderosa sarà il campionato del territorio

bigioni sindaci

“Non abbiamo una casa, ma da stasera è il PalaSavelli. E da stasera lavoreremo per riaccendere la passione di Porto San Giorgio per il basket. Siamo una delle due, tre eccellenze dello sport fermano. Ci stiamo allargando anche come settore giovanile".

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – “Un giorno importante. Dispiace di dover cedere la nostra squadra, ma è necessario non avendo un palasport da mettere a disposizione. Sappiamo però che Porto San Giorgio accoglie con grande passione la nostra squadra”. Ediana Mancini, sindaco di Montegranaro, dà il suo personale buon viaggio alla Poderosa: “Un anno importante quello che si è chiuso e ora inizia una entusiasmante sfida. Vi staremo vicini, anche se i contributi che un ente può dare sono limitati. Ma a parte le risorse, daremo il nostro sostegno morale” ribadisce il sindaco affiancata dall’assessore allo Sport Endrio Ubaldi.

La Poderosa andrà a Trieste, Bologna, Treviso, Udine, Cremona, Ferrara e porterà il nome di Montegranaro e di riflesso di Porto San Giorgio con il suo PalaSavelli. “Per noi è una bella avventura, riportare il basket in A2 è un passo importante”. Riccardo Bigioni, il giovane della famiglia, guarda il sindaco di Porto San Giorgio Nicola Loira che è arrivato a Montegranaro con l’assessore Valerio Vesprini: “Ci hanno accolto dal primo momento, fin dall’anno scorso quando attendevamo il ripescaggio. Quest’anno, tre giorni dopo la conquista della A2 ci hanno contattato. Noi partiamo da Montegranaro e Porto San Giorgio, ma porteremo tutta la Provincia in giro per l’Italia”.

“Non abbiamo una casa, ma da stasera è il PalaSavelli. E da stasera lavoreremo per riaccendere la passione di Porto San Giorgio per il basket. Siamo una delle due, tre eccellenze dello sport fermano. Ci stiamo allargando anche come settore giovanile, proprio ieri abbiamo accorpato a noi Monte Urano: 4-500 bambini il prossimo anno giocheranno con una sola maglia con scritto Pallacanestro Montegranaro e il logo del comune di provenienza” spiega Ronny Bigioni, che con il fratello guida la società, sapendo di avere alle spalle il pragmatismo della sorella Roberta che proprio oggi ha pagato la fidejussione completando l’iscrizione.

Entra in società Walter Cassetta come responsabile marketing, cresce il ruolo di Massimo Angiulli che potenzierà i social. “E poi c’è Dino Pizzuti che sta riaprendo un club per partner privati che oltre all’abbonamento avranno dei benefit. Cresce l’entusiasmo” aggiunge Ronny Bigioni. E crescerà anche a Porto San Giorgio, ne è convinto Nicola Loira: “Parte da questa stanza la stagione della poderosa: parte con l’iscrizione e con la scelta del campo. Siamo soddisfatti perché il PalaSavelli si conferma il riferimento per la provincia di Fermo. La Poderosa è il riferimento del territorio e sono certo che non lo sarà per un momento, vista la programmazione e il senso di responsabilità della famiglia Bigioni”.

Deve correre ora la Poderosa: campagna abbonamenti, sponsor, tutto va fatto crescere. “Noi siamo i proprietari della società, una passione nata da quando Riccardo giocava in Promozione, ma non riusciremmo da soli a portare avanti la serie A. Il primo grazie va alla famiglia Vecchiola che ha dato molto di più per la serie A. così come partner fedele è Giovanni Pollastrelli”.

Il basket è la passione, l’azienda va bene, “da cinque anni cresciamo”, per cui i Bigioni possono guardare il territorio e Montegranaro a testa alta: “La A2 è il livello giusto per tutti. La A1, un po’ per il periodo, il territorio non può permettersela”. Ripartirà dallo zoccolo dei tifosi, quei 450 arrivati a Montecatini, ma cercherà di allargare. “L’obiettivo primario resta la salvezza, ma quello secondario è di riempire il palazzetto, quei 3609 posti: “Lo renderemo più accogliente. Faremo lavori sul parquet e non solo. La prima in casa deve essere tutto bello”.

Dalla passione dei Comuni alle risorse della camera di Commercio: “Grazie ai Bigioni per il lavoro che fanno per i giovani. Sono una prima risposta per evitare problematiche sociali. Poi, che abbiano riportato la serie a è un grande merito. Questa è la squadra del territorio e deve veicolare il nome di una zona che merita di essere visitata. Nei limiti delle possibilità, e delle norme, daremo il nostro contributo”.

Aronne Perugini da ex presidente della Provincia parla chiaro: “La Poderosa deve essere la vetrina e Porto San Giorgio era la soluzione ovvia. La gente verrà, questa è una realtà sana”. Se poi la Poderosa sarà brava, coinvolgendo oltre Porto San Giorgio anche i territori terremotati, i fondi per la promozione potrebbero arrivare e con loro la consacrazione di un progetto che da oggi è realtà: fare dei colori gialloblù il simbolo di tutti.

“Questo è il nostro obiettivo e lo raggiungeremo organizzando eventi fuori dal campo per rendere la squadra sempre più presente. Il gruppo di lavoro è giovane, con idee. Da lunedì iniziamo, con una cosa alla volta e vedrete che ci saranno tante novità sia dentro il palazzetto, cominciando con servizi per le famiglie, sia all’esterno. Noi vogliamo la gente e lavoreremo per vincere le partite e per rilanciare le eccellenze del territorio, che non sono solo le scarpe” conclude Ronny Bigioni prima di mettere la sua mano sul pallone dividendo gli spicchi con i compagni di questa nuova avventura che si rinsalda su una storia antica.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Il ritorno in vita della caretta caretta

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.