Coach Ceccarelli confermato, la Poderosa cerca il primo colpo da serie A2: Valerio Amoroso è in pole

amoroso maggitti

È lui la prima scelta della Poderosa Basket. È lui che i fratelli Ronny e Riccardo vogliono veder indossare la maglia gialloblù. Un colore che l’ala grande campana ha tatuato nel Dna dopo gli anni d’oro con la Sutor.

MONTEGRANARO – È l’unico giocatore di cento chili che si muove sul piede come se ne pesasse 50. È uno dei pochi giocatori in serie A che ancora sa cosa significano le parole piede perno e finta. Certo, qualcuno dirà che lo sa perché non schiaccia come gli altri, ma la verità è che gli altri possono solo saltare perché non sanno cosa significhino quelle due parole. Questo giocatore è Valerio Amoroso.

È lui la prima scelta della Poderosa Basket. È lui che i fratelli Ronny e Riccardo vogliono veder indossare la maglia gialloblù. Un colore che l’ala grande campana ha tatuato nel Dna dopo gli anni d’oro con la Sutor. Amoroso già un anno fa stava per approdare a Montegranaro, ma all’ultimo non se ne fece nulla e lui continuò la sua carriera in A2. Una categoria che gli va pure stretta, ma in cui Amoroso diventa determinante. Lo dicono i numeri, non tanto l’eleganza dei movimenti che ogni tanto cancella con una scelta discutibile frutto del suo carattere forte e non sempre incline ai compromessi.

La stagione con Roseto l’ha chiusa con 31 minuti di media giocati, segno che fisicamente sta benissimo, e 11.7 punti di media segnati. Punti che nei play off sono diventati 13.5. Nei match per la promozione Amoroso è decollato, facendo salire le percentuali e il rendimento.

Con lui, il confermato coach Gabriele Ceccarelli si garantirebbe un lungo italiano più forte di molti americani in circolazione. Certo, Amoroso costa anche come un americano, ma difficile immaginare soldi meglio spesi, visto anche l’impatto che il suo ritorno avrebbe sulla piazza veregrense e non solo. E poi con le trattative già in corso da settimane, sarà un dettaglio limare le somme, considerando che Amoroso scegliendo la Poderosa tornerebbe vicino a casa, Civitanova.

Che si decida di giocare a Porto San Giorgio o Civitanova Marche, una cosa è certa: i 100 chili per 203 centimetri del 37enne campano saranno la prima certezza per una stagione che, come ribadisce il coach, non sarà facile perché la Poderosa “sarà inserita in un girone mortale come quello Est della serie A2, un girone con tante squadre di blasone e livello”. Squadre che Amoroso ha già dimostrato di saper battere (foto Maggitti).