05252017Gio
Last updateGio, 25 Mag 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

La Poderosa non ha Rivali: schiacciata Catanzaro. Malloni, beffa sulla sirena: serve la bella

diomedececcarelli

A Porto Sant’Elpidio, invece, andava in scena una partita equilibrata, con un incredibile secondo quarto dei biancoblù, dal primo all’ultimo minuto, con la Malloni di coach Domizioli che si è fermata a un passo dal sogno.

CATANZARO – La Poderosa è forte, c’è poco da fare. Se la squadra di coach Ceccarelli riesce a vincere a Catanzaro, guadagnandosi la semifinale, giocando senza Rivali e con un Gueye da 2 su 8 da tre punti, per gli avversari c’è poco da fare. Una prova imperiosa, segnata con un grande primo quarto da 32 punti segnati. Il secondo periodo è stato difficile, teso, carico di errori e soli 15 punti segnati. Ma la difesa ha continuato a macinare gli avversari che non hanno potuto solo pareggiare.

Il terzo quarto è stato quello che ha definitivamente chiuso le speranze della compagine locale, che si è dimostrata squadra ostica, soprattutto tra le mura amiche. Nel finale la Poderosa ha controllato, strappando il pass per la semifinale contro Pescara che ha saputo spazzare via Valmontone. Un bel regalo per Rizzitiello che 

A Porto Sant’Elpidio, invece, andava in scena una partita equilibrata, con un incredibile secondo quarto dei biancoblù, dal primo all’ultimo minuto con la Malloni di coach Domizioli che si è fermata a un passo dal sogno: chiudere 2-0 la serie contro la fortissima Barcellona Pozzo di Gotto e raggiungere la Poderosa in semifinale. Ma l’incredibile rimonta, a 90 secondi dalla fine i siciliani conducevano di 8 punti, è finita con la tripla sul ferro di Fiorito dopo due bombe consecutive di Cacace trascinato da un meraviglioso pubblico. Deve aver maledetto l’ottima prova difensiva con pochi falli Domizioli quando a 13 secondi, per fermare il cronometro ha fatto fallo, lasciando però la palla in mano dalla rimessa a Brunetti. Solo a quel punto il fallo è valso due tiri liberi. Uno lo mette, uno lo sbaglia (66-69), ma intelligentemente dopo pochi secondi fa fallo su brighi, evitando così la possibile tripla del pari. Brighi va in lunetta, sbaglia e la partita finisce lì. Dovrà tornare in Sicilia la Malloni e vincere la bella. Se giocherà di nuovo con la stessa intensità, l’impresa è possibile.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Loira ricorda il carabiniere Beni

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.