08242019Sab
Last updateSab, 24 Ago 2019 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Giovani e grossi, la Poderosa plasmata da Bolognesi ha un obiettivo: Salvarsi e poi sognare

bigionimastellari

Una squadra fisica per coach Ciani, anche perché la qualità costa. “Abbiamo scelto di puntare sulla solidità e la duttilità. Penso a Luca Conti che è un giocatore pronto e che sono certo farà la differenza” prosegue Bolognesi.

“Addi previsti, voluti e inattesi. Pensavo che avremmo finito la squadra ad agosto e invece saremo al raduno con il roster al completo” sottolinea Alessandro Bolognesi, il gm che ha costruito la nuova Poderosa di coach Franco Ciani. Una squadra che è partita da Martino Mastellari, sorpresa della stagione passata, che con un triennale sulle spalle deve dimostrare di avere le qualità per essere titolare in A2. “Con lui avremmo riconfermato più giocatori possibili, per dare un continuo a una squadra che aveva fatto bene. Ma non è stato possibile. volevo mantenere la coppia Palermo – Traini, ma l’offerta di Torino è stata troppo grande. Avere trovato Bonacini ci ha però reso contenti”. Un passaggio dedicato a Kaspar Treier, che alla Poderosa è cresciuto: “Lo avremmo tenuto, è uno dei giovani più importanti in Italia, ma lui ha voluto la A1”. Venuto meno Treier, ecco Serpilli che ben si abbina con Cucci.

Una squadra fisica per coach Ciani, anche perché la qualità costa. “Abbiamo scelto di puntare sulla solidità e la duttilità. Penso a Luca Conti che è un giocatore pronto e che sono certo farà la differenza” prosegue Bolognesi. Con Aaron Thomas, voluto da Ciani, la Poderosa ha aggiunto solidità e fisicità, per avere quel qualcosa in più in campo aperto e in difesa: “Con Palermo e Bonacini Thomas diventa un tre che ben si abbina ai due piccoli italiani”. Diversa la storia di Thompson: Lo avevamo cercato a inizio mercato, lo stavamo trattando e sembrava fatta, mancava solo la telefonata con il giocatore. Ma questo non ci ha mai risposto”. Eppure, Bolognesi non ha mollato, anche se per una 15ina di giorni si è lavorato su altri giocatori: “È stato un altro agente di Thompson a cercarci. Insomma, ci ha voluto. Come aveva fatto un anno fa Simmons, quindi mi fa bene sperare”. Su Amoroso, Bolognesi non nasconde nulla: “Iniziare senza di lui è un rischio. Nei due anni di serie A2 è stato il giocatore più importante, anche per quello che sapeva tirare fuori dai compagni. Lui è il capitano perfetto. Abbiamo fatto una scelta, volevamo dare fiducia a dei giovani con cui magari crescere insieme, vedi Serpilli. E per questo poi abbiamo scelto un giocatore che desse energia come Cucci. Abbiamo scelto, vedremo”.

Guardando il mercato delle avversarie, difficile già darsi una posizione. “Un anno fa avevamo un obiettivo: migliorarsi. Quest’anno vorrei iniziare bene e tranquillo, perché abbiamo una squadra con una età media di 24 anni. Ci serve un po’ di fiducia. Poi magari potremo anche andare ai play off, ma l’obiettivo rimane chiaramente la salvezza. Possibilmente tranquilla”.

Per raggiungere il traguardo importane sarà anche il precampionato. Dopo il raduno del 18 agosto, la Poderosa inizierà a correre agli ordini del neo preparatore Filippo Sappa. Poi, a fine mese, la prima amichevole contro Chieti alla Bombonera, ore 18. A seguire, il primo settembre, si va a Fabriano, contro un’altra compagine di serie B, Fabriano, per la prima edizione del Trofeo JBF Academy. A seguire Supercoppa e in base ai risultati, si gioca 8-11-15 settembre, si aggiungeranno partite. Una su tutte, la sfida piena di passato contro Rieti il 25 settembre a L’Aquila.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.