04252019Gio
Last updateMer, 24 Apr 2019 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Caso Simmons, tutti i dettagli. Il dg Bolognesi: 'Ha detto no, vuole vincere con la Poderosa'

simmonspelel

I soldi del buy-ou? Li avremmo reinvestiti sul settore giovanile, programmavamo con un budget più alto l’anno prossimo. Ma quando un giocatore si dimostra così attaccato alla maglia siamo solo orgogliosi e contenti.

di Raffaele Vitali

MONTEGRANARO – La notizia vola da un angolo all’altro del web su quotidiani e siti specializzati. In realtà dentro le stanze di Montegranaro gira da una decina di giorni. Per tutti è fatta: Jeremy Simmons finirà la stagione in A1 coperto di soldi a Reggio Emilia (il doppio di quanto prende per finire la stagione e un contratto sicuro per il prossimo anno in caso di permanenza in A1). Ma nello sport capita che quello che sembra logico viene spazzato via dal cuore, dalla passione, dallo stare ben con il proprio gruppo. E come è andata lo spiega chi la vicenda l’ha seguita passo passo, il direttore generale Alessandro Bolognesi.

Alessandro Bolognesi, ci spiega il ‘caso’ Simmons?

“Da oltre un mese lavoriamo per il rinnovo, per noi è un punto fermo da cui ripartire il prossimo anno. Abbiamo rifiutato più offerte durante la stagione, molte dall’estero”.

E poi che succede?

“Arriva Reggio Emilia che mi fa una proposta. Non mi convince, la riufuto e sembra finire tutto sul momento. Poi, però, scatta il rilancio, continuo. ‘Solo per un’offerta irrinunciabile ci mettiamo a parlare’ è la mia ultima risposta”.

E loro?

“Chiedono la cifra che volevamo ed erano pronti, visto che credevano in Simmons".

Inizia la trattativa?

“Ne parlo con Simmons, che da sempre ha un solo sogno: la serie A1. Ed è l’unica cosa che lo avrebbe spostato da Montegranaro. O almeno così credevo. Gli ho ribadito la mia volontà di tenerlo, ma era giusto che anche lui prendesse la sua decisione. Tutti dovevamo uscire contenti”.

E Simmons?

“Ha rinunciato a guadagnare più del doppio di quello che prendeva qui e a un contratto per il prossimo anno: vuole vincere con la Poderosa”.

Non l’ha convinto il progetto o vuole giocarsi qua l’A1?

“Di guadagnare meno quest’anno non ha problemi, perché, mi ha ribadito, sta bene e il gruppo gli piace. E sa di poter raccogliere grandi soddisfazioni. Chiaro che dopo questa scelta diventa tutto più difficile per il rinnovo, perché ora ha capito che vale”.

Per la Poderosa incassare il buy-out non sarebbe stata la soluzione ideale?

“Per certi versi sì, li avremmo reinvestiti sul settore giovanile, programmavamo con un budget più alto l’anno prossimo. Ma quando un giocatore si dimostra così attaccato alla maglia siamo solo orgogliosi e contenti. Siamo rimasti stupiti. Noi non volevamo negargli una possibilità e per questo non abbiamo subito detto no. Ma lui ci ha lasciati senza parole”.

E ora?

“In campo per vincere tutte le partite e cercare il rinnovo”.

Coach Pancotto come l’ha presa?

“Avrebbe capito la decisione di andare via. Ma ora è felice per il giocatore che resta, ma soprattutto per la risposta che ha dato, dimostrando ancora una volta di essere una grande persona. Vi assicuro che un giocatore americano che rinuncia a tanti soldi e a una serie superiore è qualcosa di incredibile”.

La piazza, i tifosi lo capiranno?

“Lo spero, lo sforzo della società è grande. Quello del giocatore immenso. Ma questo gruppo è speciale”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.