12172017Dom
Last updateDom, 17 Dic 2017 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

"Il brutto brutto anatroccolo" vola a Capodarco. Dopo l'anteprima la tournee in giro per l'Italia

4a

Divertirsi e riflettere è la direzione in cui questo lavoro si muove; il brutto brutto anatroccolo parlarerà alle nuove generazioni con linguaggi a loro consoni; in questo caso quello dello pupazzi animati e degli attori.

 

FERMO – Debutterà questa sera, al teatro nuovo di Capodarco, “Il brutto brutto Anatroccolo”, la nuova produzione di Proscenio Teatro Ragazzi. Più che un debutto si tratta di un’anteprima nazionale, una data zero che Marco Renzi, direttore artistico di Proscenio Teatro ragazzi, e i suoi attori faranno dopo aver realizzato lo spettacolo proprio sul palco di Capodarco.

E’ il debutto di Proscenio nel panorama teatrale per l’infanzia e per ragazzi e, dopo stasera, la prossima domenica Mirco Abbruzzetti e Simona Ripari, con i pupazzi di Lucrezia Tritone, saranno fuori regione, a Bagnacavallo, provincia di Ravenna. Quella sarà la prima data di una tournèè che lo vedrà in scena per oltre cinquanta repliche in tanti teatri delle Marche e d'Italia, toccando regioni come la Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo, Puglia e Campania.

Per Marco Renzi è il trentunesimo testo scritto che viene messo in scena, il secondo dopo “Pinocchio Pastrocchio”, con il quale riadatta una favola classica per raccontare ai più piccoli il mondo in cui viviamo. Divertirsi e riflettere è la direzione in cui questo lavoro si muove; il brutto brutto anatroccolo parlarerà alle nuove generazioni con linguaggi a loro consoni; in questo caso quello dello pupazzi animati e degli attori. Si vuole far partecipare i più piccoli ad una vicenda significativa che racconta la vita delle città in cui si muovono ogni giorno, perchè a loro sarà affidato il difficile compito di migliorare questo pianeta in cui tutti abitiamo.

Lo spettacolo, a metà produzione, ha effettuato anche una prova aperta, confrontandosi con i ragazzi a cui è destinato per verificarne il gradimento. Le insegnanti della scuola Primaria di Capodarco, all’unisono commentano così: “in relazione allo spettacolo ‘Il brutto brutto anatroccolo’ rappresentato al Teatro Nuovo di Capodarco per tutti gli alunni della Scuola Primaria, gli insegnanti, dopo aver condiviso con i bambini, possono attestarne la validità dello spettacolo”. La vicenda narra che sono trascorsi esattamente trent'anni da quando nella “Fattoria del Sole Nascente”, situata nel ridente e tranquillo paese di “Poggiocalmo”, avvenne un'eccezionale covata che vide la schiusa di ben sette uova. Il paesello balzò agli onori delle cronache e migliaia di persone si recarono alla Fattoria per congratularsi con Mamma Anatra Fernanda.  La successiva schiusa raffreddò gli entusiasmi, e il settimo nato, tutto nero, fu sottoposto alla prova dello stagno, poiché ritenuto un tacchino e non un anatroccolo come i suoi fratelli. La prova fu superata, ma nonostante questo, la vita  per lui fu subito in salita, tutti lo prendevano in giro, lo evitavano, lo beccavano, costringendolo infine ad andarsene. Da quel giorno sono trascorsi trent'anni, la televisione ricorda l'evento chiedendosi dove fosse finito quel piccolo esserino scappato in un mondo che non aveva mai visto, nè conosciuto? Quel piccoletto è diventato grande, ce l'ha fatta a sopravvivere, e con la forza di volontà è arrivato ad essere un valente Capitano di Marina. Nel suo splendido vestito bianco oggi sembra quasi un cigno, pattuglia il Mediterraneo cercando di salvare altri brutti anatroccoli scappati da Fattorie dove la vita è diventata impossibile.

 

redazione@laprovinciadifermo.com 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.