Con Giot si chiude la Stagione Concertistica di Fermo

Giot

Appuntamento questa sera, alle ore 21, presso la Sala dei Ritratti.

FERMO – Un altro grandissimo interprete sarà il protagonista del concerto in programma mercoledì 20 Aprile, alle ore 21 nella Sala dei Ritratti organizzato dalla Gioventù Musicale e dal Comune in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Pergolesi”, ultimo appuntamento di una straordinaria Stagione Concertistica 2015/2016.
Si tratta dell’oboista francese Sebastien Giot che, accompagnato al pianoforte da Alessandra Gentile, proporrà un percorso musicale di grande interesse partendo dal 1700 con la Sonata per oboe e pianoforte di Bach, attraversando l‘800 con tre appassionate Romanze di Schumann e la Belle Epoque con l’impressionismo della Sonata di Poulenc per arrivare al novecentesco Dorati e al suo intenso Duo concertante.
L’artista sarà a Fermo nella sua doppia veste di concertista e didatta. Come concertista, Giot  è primo oboe dell’Orchestra Filarmonica Nazionale di Strasburgo ed ha suonato come solista con le maggiori orchestre sotto la direzione di grandi direttori.
Nel concerto di mercoledì 20 il pubblico potrà apprezzare la sua grande versatilità ed esperienza artistica di musicista chiamato ad esibirsi nelle maggiori Sale e Teatri del mondo.
Come didatta, è docente di oboe al prestigioso Conservatorio Nazionale e terrà una Masterclass di tre giorni al Conservatorio di Musica per i giovani studenti che potranno scoprire i segreti di questo strumento a fiato, spesso protagonista in orchestra.
Una collaborazione, questa tra la Gioventù Musicale e il Conservatorio che offre la possibilità, ai giovani strumentisti, di assistere a lezioni di grandi maestri e al grande pubblico di ascoltare interpreti di rango.
 
Sebastien Giot, oboe
Nato a Perpignan nel 1978 figlio di un famoso insegnante di oboe francese, Sebastien Giot ha iniziato i suoi studi musicali imparando contemporaneamente violino e oboe. Si è laureato nel 1995 in oboe e nel 1996 in violino. Un anno dopo si è perfezionato nella classe di oboe del Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Lione. Parallelamente ha proseguito anche il perfezionamento in violino a Lione con Jean Lenert e Francis Duroy, ottenendo il Diplôme National d'Etudes Supérieures Musicales con il massimo dei voti.
A soli 20 anni Giot è stato chiamato dalla città di Strasburgo come solista oboista dell'Orchestre Philharmonique nazionale, e lo ha scelto per essere l'insegnante di oboe del Conservatorio Nazionale della Regione.
Due anni dopo il Ministère de la Culture insignisce Giot con il diploma di insegnamento nazionale.
Sébastien Giot ha inoltre partecipato, vincendoli, a diversi concorsi internazionali di oboe quali quelli di Parigi, Tolone, Tokyo, "European Young Concerti Artist".
Giot suona anche in diverse formazioni cameristiche, tra cui il quintetto di fiati Erasme formato dai solisti dell'Orchestre National Philharmonique de Strasbourg .
ALESSANDRA GENTILE    Pianoforte
Nata a Perugia, si forma sotto la guida di Annarosa Taddei e Muriel Chemin e frequenta corsi tenuti da György Sándor, Andrei Jasi?ski, Joaquín Achúcarro , Anatol Ugorski, Alexander Lonquich e Paul Badura-Skoda. Dopo il diploma con lode presso il Conservatorio “ F. Morlacchi” di Perugia
si perfeziona dal 1991 alla Hochschule für Musik di Monaco di Baviera frequentando la Meisterklasse tenuta da Gerhard Oppitz, di cui diverrà per qualche tempo assistente.
Nel 1992 viene invitata ai corsi di interpretazione beethoveniana  alla fondazione Kempff di Postano dove consegue con lode il “Meisterklassendiplom” e viene invitata a svolgere attività didattica presso la Hochschule di Monaco di Baviera.
Già dal 1986, entrando a far parte dell’Ensemble “Il Gruppo di Roma”, inizia la sua attività concertistica, che la porterà a suonare in diverse formazioni in vari paesi d’Europa.  Come solista viene invitata  da prestigiose orchestre quali  la “Münchner Symphoniker” esibendosi sotto la direzione, tra gli altri, di Kurt Rapf e Clemens Kühn. Nel 1996 esegue a Vienna, accompagnata dalla “Wiener Sinfonietta”, la prima assoluta del “Klavierkonzert” di Max Doehlemann a lei dedicato. Intense anche l’attività cameristica in diverse formazioni e  le collaborazioni stabili con musicisti come il violinista Alessandro Cervo,  il flautista Luciano Tristaino, il LuDIAL Trio ed il pianista Cord Garben, con cui si esibisce da circa dieci anni. Collabora con diversi compositori quali Peter Wittrich, Rodion Schtschedrin , Fabrizio de Rossi Re, Luca Lombardi. Incide per Rai, Hessischer e Bayerischer Rundfunk e per la DAD Records e Rara Records. E’ tra i fondatori dell’ Ensemble “UmbraeSonorae” , formazione da camera con la quale si dedica allo studio del repertorio moderno e alla ricerca nella musica nuova. Titolare della cattedra di Musica da Camera al conservatorio di Fermo,  svolge regolarmente attività didattica in varie istituzioni tedesche.